ciacci ialacqua accorinti

Messinambiente, Le Donne “tira le orecchie” a Ciacci. Sui superminimi Ialacqua: “Non li abbiamo introdotti noi”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

ciacci ialacqua accorintiIl segretario generale del Comune Antonio Le Donne “tira le orecchie” al commissario liquidatore della Messinambiente Alessio Ciacci sulla mancata consegna di atti che riguardano la società che si occupa di raccolta e smaltimento rifiuti richiesti da consiglieri comunali. A darne notizia, insieme alla nota di Le Donne, è il capogruppo della lista Felice per Messina, Giuseppe Santalco, che dice: “Il Segretario Generale ha riconosciuto le legittime proteste del sottoscritto che lamentava da parte del Commissario Liquidatore di Messinambiente la cattiva interpretazione delle norme regolamentari relative alla consegna degli atti ai Consiglieri Comunali e ha disposto al Commissario Liquidatore Dott. Ciacci di consegnare la documentazione richiesta senza alcun assenso o preventiva autorizzazione da parte di altri Organi Consiliari”. Santalco ha pubblicato la nota di Le Donne a Ciacci.

Intanto l’assessore comunale all’Ambiente Daniele Ialacqua ha replicato all’interrogazione del consigliere Udc Libero Gioveni sull’erogazione dei superminimi ai dirigenti della Messinambiente, si tratta di premi aziendali: “Il consigliere ha girato questa sua richiesta al commissario della Messinambiente Alessio Ciacci direttamente durante i lavori della commissione consiliare Ambiente, Ciacci ha risposto – prosegue Ialacqua – che effettuerà accertamenti e assumerà provvedimenti se lo riterrà opportuno, tengo a sottolineare che Gioveni si riferisce a compensi del passato perché questa amministrazione non ha sottoscritto nuovi contratti secondo quanto indicato nell’interrogazione, noi non abbiamo erogato superminimi nel presente, né li abbiamo introdotti, è un aspetto da considerare questo, Gioveni si lamenta dello stop agli straordinari del personale nei festivi”. @Acaffo 

(49)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.