alberto firenze, commissario per l'emergenza covid-19 di messina

Messina, via alle somministrazioni del vaccino Novavax. Firenze spiega come funziona

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Con la consegna di 84mila dosi da distribuire in tutta la Sicilia, sono iniziate anche a Messina e provincia le somministrazione del nuovo vaccino anti-covid Novavax. Nel darne l’annuncio, il commissario per l’Emergenza Covid-19, il prof. Alberto Firenze, spiega in cosa differisce dai sieri di Pfizer e Moderna e da quelli di Astrazeneca e Johnson&Johnson.

84mila dosi in Sicilia, 10.500 a Milazzo, poi distribuite dall’Ufficio per l’emergenza nei diversi centri vaccinali di Messina e della provincia. Il nuovo vaccino anti-covid è approdato negli hub e sono iniziate le somministrazioni alla popolazione dai 18 anni in su. Un vaccino presentato come differente sia da quelli a mRNA (come Pfizer e Moderna) sia da quelli a vettore virale (come Astrazeneca e Johnson&Johnson).

«È un vaccino nuovo rispetto ai precedenti – spiega il Commissario Covid-19 di Messina, Alberto Firenze – perché usa un metodo diverso sia da quelli a mRNA (Pfizer e Moderna) sia da quelli a vettore virale (Astrazeneca e Johnson&Johnson). È composto da “frammenti proteici” del virus ed è in grado di indurre la risposta del sistema immunitario dell’organismo, usando una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike di SARS-CoV-2 combinata con nanoparticelle, che di fatto sono simili al coronavirus ma non sono capaci di replicarsi”.

Il Novavax, ricordiamo, prevede due somministrazioni a distanza di 21 giorni ed è riservato a tutte le persone con più di 18 anni d’età. Nel frattempo, sempre a partire dal primo marzo, è possibile accedere alla quarta dose ma esclusivamente per i soggetti fragili e immunocompromessi.

(280)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.