Messina. Signorino contro De Luca: «Sei mesi di promesse a vuoto»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il comizio di Capodanno del sindaco di Messina Cateno De Luca sembra aver fatto infuriare molti. Tra questi, l’ex assessore della Giunta Accorinti Guido Signorino che risponde alle accuse lanciate dal palco di piazza Duomo elencando quelle che, secondo lui, sono state le “millanterie e promesse a vuoto” dei primi mesi di mandato del Primo Cittadino.

Secondo l’ex assessore allo Sviluppo Economico, in sostanza, le accuse rivolte lo scorso martedì dal Sindaco ai membri dell’amministrazione che lo ha preceduto a Palazzo Zanca altro non sarebbero che un diversivo, un “asso nella manica” da presentare al pubblico per non parlare dei propri presunti insuccessi. Insuccessi che, secondo Signorino, riguarderebbero alcuni degli obiettivi fissati a inizio mandato.

Pubblichiamo, di seguito, il commento condiviso su Facebook dall’ex assessore Guido Signorino:

«Non ho avuto – ha esordito – il “piacere” di ascoltare l’illuminato discorso di De Luca nel suo comizio di fine anno. Leggo che si è nuovamente prodotto in sguaiate e calunniose affermazioni contro l’amministrazione precedente e contro i sindacati più critici rispetto alle sue scelte».

«Dopo sei mesi di millanterie e promesse a vuoto – ha continuato – il Sindaco non poteva dire di aver azzerato le baracche a Messina (ha solo concluso parte delle assegnazioni programmate dall’amministrazione Accorinti), né di aver completato la stabilizzazione dei precari del Comune (ha interrotto il percorso con cui l’amministrazione Accorinti aveva già stabilizzato oltre 200 precari), né di aver ridotto le partecipate (ne ha costituite quattro, mentre la giunta Accorinti le aveva ridotte), né che il licenziamento degli interinali in ATM era così sbagliato da dover tornare indietro (ripercorrendo i passi della Giunta Accorinti)».

«Ha preferito – ha dichiarato Signorino – non dire di aver caricato i messinesi di oltre 50 milioni di troppo nel piano di riequilibrio, di aver massacrato il trasporto pubblico locale, di aver revocato bandi per 10 milioni di euro nel sociale, di aver barattato l’hub intermodale per una pista ciclabile, di aver chiuso la “Casa di Vincenzo” (che, stando a una comunicazione di ieri dell’assessore Calafiore dovrebbe riaprire nei prossimi dieci giorni, ndr), di non aver ridotto i dirigenti comunali, di aver fatto approvare delibere contraddittorie a un Consiglio Comunale nel suo complesso incapace di affermare e tutelare il suo ruolo».

«Gli buttava pesante – ha proseguito – giurare ai lavoratori dei servizi sociali che davvero saranno automaticamente assunti a tempo indeterminato da un’azienda speciale, come promesso per poter creare l’ennesima partecipata».

«Di fronte a questi innegabili insuccessi – ha affermato l’ex Assessore – non poteva e non voleva dire che terrà fede al suo solenne impegno (quasi un giuramento) di dimettersi per la mancata realizzazione degli obiettivi. Certo, aveva una possibilità: svelare finalmente nomi e cognomi delle famose “lobby politiche” e dei gravissimi “poteri forti” a cui dichiara sempre guerra, giusto per riempire di parole i suoi comizi di piazza; ma forse non poteva e non voleva fare neanche quello».

«E allora – ha concluso Guido Signorino – ecco l’asso nella manica (trito e ritrito, ma chissà, magari fa ancora effetto): ripetere gli insulti alla Giunta Accorinti, e magari ai sindacati che si oppongono alle sue scelte».

(359)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.