eruzione stromboli

L’ultima, spettacolare eruzione dello Stromboli ammalia i primi turisti alle Eolie

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Non smette di sorprendere l’eruzione dello Stromboli. Il vulcano, protagonista di una spettacolare attività eruttiva cominciata nella giornata di mercoledì 19 maggio, ha suscitato la curiosità e la meraviglia dei primi turisti accorsi alle Eolie in questa prima settimana di zona gialla.

Barche, yacht e gommoni con a bordo vacanzieri si sono avvicinati al promontorio che separa la Sciara del Fuoco dove si è sviluppata l’eruzione. Dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) arrivano intanto le prime considerazioni tecniche sull’episodio: in seguito a un sorvolo effettuato dai vulcanologi della zona con l’elicottero dei Vigili del Fuoco, è stato accertato che «il flusso piroclastico si è originato dal collasso del fianco del cratere nord che ha prodotto un trabocco lavico che si sta riversando lungo la Sciara del Fuoco fino a raggiungere la linea di costa».

Il direttore generale della Protezione Civile della Regione Siciliana, Salvo Cocina, ha affermato che la suddetta nube piroclastica innalzatasi dall’eruzione del vulcano Stromboli è arrivata a coprire anche i cieli della Calabria. Esattamente una settimana fa gli esperti e ricercatori dellIstituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) avevano avviato l’attività di monitoraggio vulcanologico di quattro crateri della zona sommiate di Pizzo sopra La Fossa, a un’altezza di 920 metri sul livello del mare distante 350 metri dai crateri.

(Foto © Ansa)

(270)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.