La Nettuno non pagherà il decreto alla Marina dello Stretto. Di mezzo il progetto del porticciolo

provinciaSospeso il decreto ingiuntivo della società “Marina dello Stretto” contro la Nettuno, partecipata della Provincia. A renderlo noto Palazzo dei Leoni. Il provvedimento economico è di 406mila euro che avrebbe dovuto pagare l’ente legato agli uffici di Corso Cavour. La Nettuno Spa, società partecipata integralmente dalla Provincia che avrebbe dovuto realizzare un porticciolo turistico nella riviera nord comunale ha vinto il ricorso contro la “Marina dello Stretto Srl che aveva richiesto il pagamento di ben 406mila 662,85 euro per spese di progettazione (in realtà non commissionata secondo quanto riferisce la Provincia). Gli avvocati Guido Barbaro, Salvatore Giambò e Fabio Sfravara, difensori della partecipata “Nettuno Spa”, hanno comunicato la sospensione del decreto ingiuntivo che era stato provvisoriamente emesso dal Tribunale di Messina in data 11 ottobre 2013 in favore della “Marina dello Stretto Srl. I legali hanno reso noto che: “Con il Decreto ingiuntivo n. 1527/13 (provvisoriamente esecutivo) emesso dal Giudice Del Tribunale di Messina l’ 11 ottobre 2013 è stato ingiunto alla partecipata Nettuno Spa il pagamento della complessiva somma di 406.662,85 euro in favore della Marina dello Stretto Srl. All’udienza del 6 maggio 2014 il giudice Carolina La Torre si è riservata di decidere in ordine alla preliminare richiesta avanzata dagli avvocati – si legge in una nota – e volta ad ottenere la sospensione dell’esecutività del decreto ingiuntivo impugnato. Il giudice, sciolta la riserva, con ordinanza ampiamente motivata, ha ritenuto fondate tutte le argomentazioni difensive a sostegno dell’opposizione ed ha accolto la richiesta di sospensione dell’esecutività del decreto ingiuntivo”. Dunque niente pagamenti alla Marina dello Stretto. 

(62)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *