incendi in sicilia nel 2020

Incendi, la Sicilia seconda per reati accertati nel report “Ecomafia” di Legambiente

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Nel 2020 in Sicilia si sono registrati 582 reati accertati riguardanti incendi dolosi, colposi o generici. La Regione si posiziona seconda (in negativo) dopo la Campania e prima della Calabria per questo particolare tipo di reati ambientali. A dirlo è il report “Ecomafia 2021” dossier annuale pubblicato da Legambiente.

I dati sono online e la Sicilia si colloca tristemente sul podio in un anno (il 2020) che ha visto andare in cenere oltre 62.000 ettari, tra boschi e altre aree in tutta Italia (+18,3% rispetto al 2019). Il 54,7% degli incendi si è concentrato in Campania, Sicilia, Calabria e Puglia. Le seguono a ruota il Lazio, la Basilicata, la Toscana e la Sardegna.

«Il 2020 – spiega Legambiente – è stato un anno nefasto per quanto riguarda la piaga degli incendi che hanno attraversato la nostra penisola, con i numeri ufficiali che restituiscono solo in parte la gravità di un fenomeno criminale tra i più devastanti, decisamente fuori controllo e ancora sottovalutato, sia sul fronte della prevenzione sia su quello della repressione. I danni cagionati da chi ha bruciato i boschi (e non solo), negli ultimi anni sono infatti incalcolabili, in termini di perdita di biodiversità, in valore economico e in sacrificio di vite umane».

Andando a guardare la classifica colpisce, sia a livello nazionale che regionale, la discrepanza tra i numeri dei reati accertati, le denunce, gli arresti e i sequestri. In Sicilia, per esempio, su 582 reati accertati, le denunce sono solo 14, si registra 1 solo sequestro e nessun arresto. Colpisce, inoltre, rispetto alle altre regioni italiane, il dato sulla superficie bruciata (boscata e non): 36.321 ettari, circa la metà del totale.

Report “Ecomafia” 2021 di Legambiente: la classifica

Pubblichiamo di seguito la classifica integrale delle 20 regioni italiane. I numeri, si ricorda, fanno riferimento al 2020 e sono stati elaborati da Legambiente sulla base dei dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), dei dati dei Corpi forestali delle regioni a statuto speciale e su quelli della European Commission Emergency Management Service Copernicus EMS (2020).

ecomafia di dati di legambiente sugli incendi in sicilia nel 2020

La seconda tabella fa riferimento agli incendi in Italia nel 2020: i reati accertati sono stati 4.233 reati, le persone arrestate sono state 18 (l’anno precedente erano state solo 10). Sono bruciati oltre 62.000 ettari di superficie boscata e non boscata (+18,3% rispetto al 2019). Le persone denunciate sono state 552, i sequestri operati dai Carabinieri del Cufa e dai Corpi forestali delle regioni a statuto speciale sono stati 79.

legambiente report ecomafia: incendi dolosi in italia nel 2020

Legambiente si focalizza poi sulle regioni “a tradizionale presenza mafiosa”, che sono quelle in cima alla classifica.

legambiente report ecomafia: incendi dolosi nelle regioni a tradizionale presenza mafiosa

Il report completo è disponibile a questo link. 

(45)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.