Dalia2

D’Alia: “Sull’ospedale Piemonte decisione nel chiuso delle stanze”. Critiche anche da Garofalo, Mancuso e III Quartiere

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Dalia2“La scelta di convertire l’ Ospedale Piemonte in polo materno infantile che, di fatto porterà alla chiusura del nosocomio cittadino, non può essere presa nel “chiuso delle stanze”  e sulla base di scelte esclusivamente ragionieristiche”: lo dichiara, in una nota, il presidente nazionale dell’Udc e deputato alla Camera, Gianpiero D’Alia.
 
“L’Ospedale Piemonte –  prosegue – ha un ruolo da sempre importante per la salute dei messinesi e un punto di riferimento anche per un’utenza vastissima della provincia, oltre a essere un presidio di sicurezza in caso di calamità”.
 
“Chiedo – continua l’ex ministro della Pubblica Amministrazione – una seduta straordinaria del Consiglio comunale, alla presenza dei vertici della sanità messinese; della deputazione nazionale e regionale della città; del sindaco e dell’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino. Le scelte di riorganizzazione dei presidi sanitari sono indispensabili per ridurre i costi e rendere più efficiente la sanità, ma devono essere trasparenti e partecipate attraverso una discussione pubblica” – conclude D’Alia.
 
Sul caso intervengono anche i parlamentari del Nuovo Centrodestra Vincenzo Garofalo e Bruno Mancuso che scrivono: 
In merito alla decisione di convertire l’ Ospedale Piemonte di Messina in polo materno infantile è necessario sottolineare che la razionalizzazione della rete deve essere fatta sulla base delle competenze e tenendo conto dei destinatari del servizio reso: i pazienti. Non è opportuno che decisioni così importanti vengano prese senza avere ascoltato chi conosce a fondo il territorio e le sue esigenze. Da parlamentari raccogliamo l’invito del collega D’Alia e ci uniamo a lui nel sollecitare un incontro con l’assessore alla sanità Lucia Borsellino affinché si arrivi alla decisione in merito ad una riorganizzazione dei presidi sanitari a seguito di scelte ponderate. Perché la sanità appartiene a tutti”. “Il Consiglio del III Quartiere – si legge in una nota – in merito al futuro dell’Ospedale Piemonte, intende chiarire che non accetterà di essere lasciato fuori dal dibattito, come sempre avviene, in quanto ha pieno titolo ha diritto a partecipare al tavolo con il Sindaco e poter esprimere la propria opinione in merito. La gloriosa struttura sanitaria ricadente nel territorio circoscrizionale, da svariati anni ormai è oggetto di un continuo ed inesorabile stillicidio che lo ha di fatto ridotto all’agonia e questo è il frutto di una politica sanitaria che ha voluto privilegiare altri “interessi”: il risultato è ormai di evidenza pubblica!” 

(85)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.