D’Alia critica Accorinti sul Punto Nascita: “Lettera alla Borsellino tardiva e inutile senza confronto”

DaliaUdcAll’ex ministro Gianpiero D’Alia non è risultata gradita l’uscita del sindaco Accorinti sulle proposte per mantenere il Punto Nascita al Papardo.

Il deputato nazionale dell’Udc scrive:

“Pur apprezzando lo sforzo tardivo dell’Amministrazione comunale di Messina, francamente faccio fatica a comprenderne l’utilità. Il tema non è legato solo all’accorpamento (sbagliato) di due strutture in una unica al Piemonte (su cui le opinioni di ciascuno di noi sono note e da tempo) ma alla quantità e alla qualità dei servizi che il Servizio sanitario regionale offre alla città.

La seduta straordinaria del consiglio comunale, richiesta da molti di noi, doveva essere l’occasione in cui costringere il manager dell’Asp, quello del Policlinico e quello dell’Azienda Ospedaliera Papardo-Piemonte a lavorare insieme, coordinando l’offerta dei servizi sul territorio senza più sprechi e baronie sanitarie varie, superando quel delirio di onnipotenza e di autoreferenzialità proprio – ormai da tempo – di chi è investito di un ruolo così delicato. Tutto ciò in maniera trasparente e sotto la vigilanza della massima autorità sanitaria locale: il sindaco. In realtà, e ciò a causa dell’atteggiamento inutilmente scodinzolante dell’amministrazione, il consiglio comunale si è trasformato in  una sorta di improprio rodeo, aggravato dalle dichiarazioni del direttore generale dell’Azienda Papardo-Piemonte. 

Per questo, penso che la letterina all’assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino, sia tardiva e forse anche inutile se non è preceduta da un confronto vero e concreto con i vertici della sanità messinese per definire un quadro unitario di presidi e strutture sanitarie (Piemonte compreso) al servizio dei cittadini. Per il resto la mia opinione sulla singola vicenda è nota e rinvio alla mia interpellanza urgente al ministro della Salute Beatrice Lorenzin”.

(63)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *