analisi, test sul covid

Covid, diagnosticato un caso di variante nigeriana al Policlinico di Messina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

«Abbiamo individuato al Policlinico “G. Martino” di Messina, primo caso in Sicilia, la variante nigeriana del Covid-19»: a confermarlo è la professoressa Teresa Pollicino, che insieme al professor Giuseppe Mancuso dirige il laboratorio diagnostico molecolare dell’Ospedale Universitario dove è stato analizzato il tampone.

Il referto, ha spiegato la professoressa Pollicino all’agenzia di stampa Ansa, è stato inviato all’Istituto Superiore di Sanità (ISS) per capire come il virus si stia evolvendo. La variante nigeriana del covid-19 è stata diagnosticata al Policlinico di Messina ad un minore di 16 anni originario della Guinea. A quanto si apprende, il giovane era ospite di centro di accoglienza della Sicilia, dal quale sarebbe fuggito insieme ad un amico. Entrambi sono risultati positivi al coronavirus – l’amico senza sintomi – ma solo lui alla variante. Il minorenne è stato quindi ricoverato a villa Contino in isolamento.

Non è il primo caso di variante del covid-19 individuato in Sicilia. In provincia di Messina, a Castell’Umberto, sono stati diagnosticati due casi della cosiddetta variante inglese. Ad eseguire i test, anche in questo caso, è stato il Policlinico “G. Martino” di Messina che ha recentemente avviato all’interno dei propri laboratori la diagnostica molecolare per l’individuazione delle varianti del coronavirus.

Come funzionano i test per l’individuazione delle varianti in pazienti affetti da covid-19? Le analisi sono eseguite attraverso l’uso del sequenziamento di Sanger dell’intero gene “S”, che codifica per la proteina virale Spike, e del Next-Generation-Sequencing (NGS) dell’intero genoma di SARS-CoV2.

(253)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.