Coronavirus, il Comune di Messina è alla ricerca di edifici da adibire a scuole

scuola, aulaManca poco al ritorno a scuola previsto per il 14 settembre e il Comune di Messina è alla ricerca di edifici in cui consentire agli studenti di seguire le lezioni in sicurezza e in linea con le norme di contenimento del coronavirus. Sul sito istituzionale di Palazzo Zanca, infatti, è stato pubblicato un avviso con cui si annuncia un’indagine di mercato finalizzata a reperire nuove strutture.

Il ritorno tra i banchi, quest’anno, si preannuncia più complicato del solito a Messina e in tutta Italia. Le norme di contenimento disposte per gestire l’emergenza covid-19 ancora in corso impongono il distanziamento fisico tra gli studenti e tra gli insegnanti, il divieto di creare assembramenti e la necessità di fare lezione in locali ampi e arieggiati. Per fare un esempio, una classe composta da 25 studenti dovrà essere ampia almeno 60 metri quadrati.

Da qui la necessità di trovare edifici in cui poter far svolgere le lezioni: «Il Comune di Messina – si legge nell’avviso pubblicato sul sito di Palazzo Zanca – intende individuare strutture idonee a svolgere attività scolastica nella zona sud, centro e nord della città, data l’emergenza Covid al fine di poter pianificare le attività scolastiche, educative e formative, garantendo l’avvio dell’anno scolastico 2020/2021 in sicurezza. I requisiti tecnici nonché l’idoneità dell’immobile saranno verificati, previo sopralluogo, dai Dipartimenti competenti per materia».

L’avviso è stato pubblicato nelle scorse settimane e inizialmente riportava come scadenza il 18 agosto 2020, ma «al fine di consentire la più ampia partecipazione possibile», tale termine è slittato alle ore 12.00 del 28 agosto 2020.

(405)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *