buono libro

Anomalie nel pagamento dei buoni libro. L’assessore Panarello: “Denunciate le librerie scorrette, non è compito del Comune”

Pubblicato il alle

1' min di lettura

buono libroAnomalie nei buoni libro. Anche a Palazzo Zanca sono giunte segnalazioni di presunti abusi commessi da librerie cittadine. 

Oggi è intervenuta l’assessore alla Pubblica Istruzione, Patrizia Panarello, che ha detto: “Il compito del Comune finisce al momento dell’erogazione del buono libro e che laddove l’utenza riscontri delle anomalie e/o delle presunte scorrettezze da parte delle librerie cittadine, è importante denunciare l’accaduto agli organi competenti per eliminare ogni dubbio nelle procedure di rilascio dei testi di studio a seguito della presentazione dei buoni in oggetto. Infine si ricorda che i fondi destinati alle librerie sono regionali e come ogni anno vengono erogati con un certo ritardo; pertanto le singole librerie stabiliscono poi le modalità di consegna dei libri di testo alle famiglie che limitino al massimo i disagi nella popolazione studentesca. Non essendo il Comune convenzionato con alcuna libreria in particolare, i genitori sono liberi di scegliere il rivenditore che più gradiscono o che fornisce le maggiori garanzie possibili”.    

(54)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.