Messina. A breve due nuovi centri di accoglienza per migranti adulti

Messina allarga le maglie dell’accoglienza. Dopo un mese, quello di maggio, relativamente “sotto tono” nel numero di arrivi di migranti nei porti siciliani per via dell’off limits dato dall’organizzazione del G7 nell’incantevole cornice di Taormina, da inizio giugno la Città dello Stretto ha nuovamente acquisito un ruolo da protagonista nelle “dinamiche da sbarco”. Circostanza quest’ultima che, ancora una volta, ha fatto emergere la carenza di posti di prima accoglienza.

Con quali effetti? L’ormai prossima, anzi immediata, apertura, su preciso sollecito della Prefettura, di due nuovi Centri di accoglienza temporanei.

Il primo sarà gestito dalla Croce rossa Italiana, non nuova ad esperienze di gestione diretta (si ricordano a tal proposito i due mesi di presenza al Palanebiolo nell’ottobre/novembre 2013) e verrà avviato nell’edificio di proprietà dell’IPAB “Collereale”, dove fino a qualche tempo aveva sede l’istituto scolastico “Dina e Clarenza”.

villa maria - padri rogazionistiIl secondo sarà, invece, allestito presso i locali della struttura “Villa Maria”, in zona Panoramica dello Stretto – di proprietà dei padri Rogazionisti, già con esperienze di comunità di accoglienza per minori stranieri non accompagnati.

Il centro di accoglienza targato Croce Rossa dovrebbe avviare la propria attività già a partire dall’inizio della prossima settimana. Nelle ultime ore, infatti, in via Catania, è costante il transito di mezzi carichi di arredi per la sistemazioni di letti, armadi, sedie, tavoli negli spazi adibiti all’accoglienza.

I posti letto, in totale una settantina, potrebbero già essere occupati da una parte degli ospiti che attualmente si trovano accolti al centro adulti “Gasparro”. Altrettanto celeri, ma ancora non ufficiali, i tempi per l’apertura del centro gestito dai Rogazionisti, per 30 posti totali.

Con l’apertura di questi due nuovi centri di accoglienza, salirebbe dunque a 300, compresi i 200 dell’ex caserma Gasparro, il numero di posti offerti da Messina in prima accoglienza.

A questi nuovi centri si aggiunge lo sportello funzionale, che verrà inaugurato oggi alle 18, fortemente voluto dall’Amministrazione e dell’assessore alle Politiche Sociali, Nina Santisi, per favorire le dinamiche di aggregazione e integrazione.

Il numero di posti offerti per accogliere i migranti potrebbe, poi, ulteriormente salire nel caso in cui il bando di gara, con procedura aperta, pubblicato dalla Prefettura lo scorso 15 giugno e con scadenza 24 luglio, relativo all’affidamento del servizio di accoglienza ed assistenza di cittadini stranieri nel territorio di Messina e provincia, dia i risultati sperati.

Elena De Pasquale

 

(553)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *