Raccolta differenziata a Messina. Ancora ritardi per il censimento dei condomini

Per avviare la raccolta differenziata a Messina è stata chiesta la massima collaborazione dei cittadini, ma gli ostacoli da affrontare non sono pochi: tra i più importanti c’è il censimento dei condomini, affidato agli amministratori che, per aiutare MessinaServizi nel lavoro di mappatura, dovrebbero compilare un questionario sul sito dell’azienda.

Molti stanno, però, ritardando ad effettuare il censimento del proprio condominio, richiando di far slittare, ulteriormente, l’avvio della raccolta differenziata porta a porta, come se non bastasse la grande difficoltà ad aprire le menti dei messinesi, convincendoli a credere e collaborare nella riuscita del progetto. Per questo MessinaServizi ha lanciato, questa mattina, un appello.

A parlare è stato il presidente di MessinaServizi, Giuseppe Lombardo: «Chiediamo agli amministratori dei condomini massima collaborazione per raggiungere l’obiettivo comune di avere una città più pulita e ordinata con l’avvio della raccolta differenziata porta a porta. Sarebbe auspicabile dunque, che con celerità, provvedano all’inserimento on line dei dati, senza portarli più nella sede di Messinaservizi o inviandoli via pec, aiutandoci così a completare il censimento prima possibile in modo più veloce».

Cos’è e come si effettua il censimento dei condomini

La procedura di censimento è necessaria per la consegna dei kit di raccolta differenziata e, per renderla più veloce, MessinaServizi ha cercato di semplificarla più possibile: i dati dei condomini potranno essere inoltrati compilando l’apposita sezione online.

L’unico modo per inserire le informazioni è farlo direttamente sul sito, www.messinaservizibenecomune.it, in modo semplice e veloce registrandosi ed inserendo le sole informazioni richieste. Tutte le altre modalità non verranno prese in considerazione. Messinaservizi farà pervenire poi via mail ai singoli amministratori una ricevuta. Coloro che hanno già presentato i dati in modo tradizionale, attraverso documentazione cartacea, non dovranno più ripresentarli.

(335)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *