Raccolta differenziata a Messina. Amministratori di condominio: «Troppi dubbi, meglio posticipare»

L’arrivo della raccolta differenziata a Messina sta causando non poche perplessità ai cittadini. I dubbi maggiori sull’inizio del porta a porta, però, li hanno gli Amministratori di Condominio, adesso responsabili per il conferimento dei rifiuti negli stabili. In una nota rivolta al Sindaco di Messina Cateno De Luca,  all’Assessore con delega all’Ambiente Dafne Musolino e al Presidente di Messina Servizi Bene Comune Giuseppe Lombardo, un gruppo di rappresentanti di Amministratori chiedono alcuni chiarimenti e il rinvio dell’entrata in vigore dell’ordinanza.

«Dichiariamo fin da subito di essere favorevoli al percorso virtuoso intrapreso –racconta il primo firmatario della nota Santi Daniele Zuccarello assieme a Enzo Vellini, Domenico Famà, Roberto Trovato, Gaetano Caliò, Fabrizio Venuti e Rosanna Sposito – ma a pochi giorni dal previsto avvio, molti punti nodali rimangono nebulosi, confusi e generici, posto che, si creeranno ritardi e disservizi che potrebbero rendere inevaso quello che è certamente uno step necessario per la città».

Secondo il gruppo, il problema principale è che i bidoni per i rifiuti dovranno essere posizionati in locali di proprietà comune all’interno dei condomini e dovranno essere messi a disposizione degli operatori di Messina Servizi Bene Comune a orari prestabiliti. «Se così fosse – spiegano i Amministratori – si pongono non pochi problemi di ordine pratico e, infatti, molti degli stabili non hanno locali preposti ad ospitare i bidoni delle dimensioni necessarie alla raccolta dei rifiuti di un intero condominio (5 Mastelli ogni 10 unità abitative), né hanno personale adeguato alle proprie dipendenze per potere cooperare con gli operatori della raccolta. La stragrande maggioranza dei condomini (circa l’80%) ha una ditta esterna che provvede alla pulizia di scale, androni e parti comuni, con personale che si reca presso lo stabile per non più di uno/due giorni la settimana, servizio che, peraltro, per la concorrenza al ribasso, viene svolto in meno di un’ora».

Oltre alle regole stabiliti per i condomini, un altro aspetto che preoccupa gli Amministratori di Condominio sono le responsabilità che verranno poste in capo all’Amministratore e il rischi di  possibili sanzioni: «L’Ordinanza Sindacale attribuisce al condominio, e nello specifico allAmministratore, la responsabilità di vigilare sulla corretta differenziazione dei rifiuti e del loro conferimento nei mastelli. Nel caso in cui i rifiuti non fossero correttamente differenziati, il gestore non provvederà alla loro raccolta e notificherà all’Amministratore un avviso di non conformità”. Ricevuto tale avviso il condominio dovrà poi provvedere nellarco di 24 ore a ritirare i rifiuti per procedere ad una loro corretta differenziazione. Non si comprende poi come l’amministratore possa intervenire nell’arco di 24 ore per individuare i rifiuti non correttamente differenziati e provvedere al loro ritiro, tanto valeva prevedere l’applicazione immediata della sanzione».

Secondo gli Amministratori dunque, sarà difficile adeguarsi alle nuove regole relative alla raccolta differenziata a Messina e per questo chiedono all’Amministrazione De Luca e a MessinaServizi di considerare i dubbi esposti, «di posticipare l’avvio della procedura, di aprire un tavolo di confronto con noi professionisti e poter sciogliere tutti i nodi e dubbi».

Intanto i kit per la raccolta differenziata a Messina sono già arrivati e presto si inizierà anche la distribuzione a tutte le utenze. Secondo il presidente di Messina Servizi Bene Comune Giuseppe Lombardo saranno necessari cinque mesi per mettere in piedi ed avviare il sistema di raccolta differenziata porta a porta integrale ed in tutta la città.

(993)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *