Dirty Soccer: mano pesante per Vigor e Barletta. Il Messina vede la Lega Pro

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La Giustizia sportiva è pronta a restituire al Messina ciò che il campo lo scorso 30 maggio le aveva tolto. Il club di Natale Stracuzzi, sarebbe ad un passo dalla riammissione in Lega Pro in base a quanto emerge dal processo “Dirty Soccer” iniziato stamane. La Procura Federale chiede la mano pesante per Barletta e Vigor Lamezia. Per la società pugliese il procuratore Stefano Palazzi ha richiesto la retrocessione all’ultimo posto della classifica e dieci punti di penalizzazione da scontare nel prossimo campionato,  uniti ad un ammenda di 40mila euro. Per il club lametino invece si parla di esclusione dal campionato appena concluso e dieci punti di penalizzazione da scontare nella nuova stagione agonistica. Anche per la società calabrese prevista la sanzione di 40mila euro.

A questo punto la classifica finale del girone C di Lega Pro 2014-2015 andrebbe ridisegnata. E proprio il Messina, che ha terminato in quintultima posizione il torneo per poi retrocedere ai play-out, avrebbe tutti i requisiti per tornare tra i professionisti. Il club giallorosso è rappresentato in Aula dall’avvocato Giovanni Villari.

Bisognerà chiaramente attendere le sentenze di primo grado del Tribunale Federale e il pronunciamento successivo del Consiglio Federale che dovrà delineare la nuova graduatoria.  Il verdetto è atteso tra il 17 e il 18 agosto.

Intanto la squadra, agli ordini del tecnico Arturo Di Napoli, questa mattina ha iniziato la preparazione sul terreno del S.Filippo. Presenti in gruppo anche il difensore Alessandro Parisi e l’attaccante Salvatore Cocuzza, entrambi prossimi alla firma del contratto. Sempre stamane la società ha partecipato alla seduta della Commissione consiliare Sport tenutasi a Palazzo Zanca. Il patron Stracuzzi ha illustrato i nuovi piani societari, annunciando il probabile avvicinamento di nuove forze imprenditoriali. Si è inoltre parlato di concessione pluriennale dei due impianti cittadini, su questo fronte il Comune è chiamato a pronunciarsi.

Per quanto riguarda il S.Filippo, occorre ripristinare l’impianto di videosorveglianza dopo il furto di alcune apparecchiature nelle settimane successive al termine del campionato scorso.

(377)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.