dalla regione 4,4 milioni di euro per percorsi formativi per immigrati regolari

In Sicilia nasce l’albo dei mediatori culturali: come iscriversi

Pubblicato il alle

2' min di lettura

In Sicilia nasce l’albo dei mediatori culturali; l’assessorato della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, infatti, ha emanato il regolamento per la tenuta e la revisione dell’elenco regionale dei mediatori culturali, istituito con la legge regionale sull’accoglienza e l’inclusione approvata nel 2021.

Il regolamento definisce due figure: il mediatore culturale e il facilitatore linguistico-culturale. A gestire l’elenco regionale è l’Ufficio speciale Immigrazione dell’assessorato della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro. Vediamo i requisiti e come iscriversi all’albo.

Sicilia, albo mediatori culturali

Per l’iscrizione all’elenco regionale sono richiesti i seguenti requisiti:

  • età non inferiore a diciotto anni;
  • possesso di regolare permesso di soggiorno, anche in fase di rilascio o di rinnovo valido ai fini
    dell’assunzione (per cittadini stranieri);
  • buona conoscenza della lingua e della cultura italiana e di una lingua e cultura di almeno un Paese di provenienza delle cittadine e dei cittadini stranieri immigrati presenti sul territorio regionale;
  • diploma di scuola secondaria di primo grado;
  • diploma di laurea nelle seguenti classi di laurea in Lingue o Mediazione culturale o corso di formazione riconosciuto in almeno una regione italiana della durata non inferiore a 600 ore o 300 ore in caso di discente lavoratore comunque non inferiore ai requisiti previsti dal Decreto dell’Assessore all’istruzione e alla formazione professionale n. 21 del 9 gennaio 2018 – Approvazione del profilo di “Mediatore Interculturale” con la relativa scheda corso nel Repertorio delle Qualificazioni della regione Siciliana;
  • per i facilitatori è sufficiente il diploma di scuola secondaria di primo grado, ma è necessario dimostrare di avere una esperienza lavorativa specifica di almeno sei mesi.

Come iscriversi

Per iscriversi all’albo i soggetti interessati, e in possesso dei requisiti richiesti dal bando, possono presentare istanza all’assessorato regionale della Famiglia, della Politiche sociali e del Lavoro – Ufficio speciale immigrazione, entro e non oltre il 15 ottobre. A questo link il modello della domanda. L’iscrizione è valida tre anni, alla scadenza dei quali se non rinnovata, decade automaticamente.

A questo link, invece, il regolamento completo.

(322)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.