Tassa soggiorno. Sottile e Gervasi: ” I proventi colmino le carenze territoriali”

tassaIl consigliere comunale Fabrizio Sottile e quello della V circoscrizione, Maria Fernanda Gervasi, hanno reso note alla Giunta quelle che, secondo la loro analisi delle esigenze territoriali, sono le priorità di collocamento dei 180mila euro provenienti dalla tassa di soggiorno. A seguito il comunicato stampa relativo alle dichiarazioni dei due consiglieri:

“Prendiamo atto con grande piacere -dichiarano i due esponenti comunali– della frequenza con cui si sta riunendo il Laboratorio per lo Sviluppo Turistico, per la costituzione del quale noi abbiamo molto insistito, ma, ancor di più, riteniamo rilevante la recente notizia del “ritrovamento” di circa 180.000 euro provenienti dalla tassa di soggiorno.A tal proposito riteniamo opportuno che la Giunta adotti un atto di indirizzo per la ripartizione delle somme relative all’anno 2016 e, nel merito, tenuto conto delle esigenze del territorio e delle finalità per cui i proventi della tassa di soggiorno possono essere impiegati, suggeriamo le seguenti priorità: 90.000 euro da destinare -come previsto dal regolamento sulla tassa di soggiorno- al servizio di trasporto pubblico locale ed in particolare ai servizi di linea a valenza turistica e all’integrazione fra servizi di linea e non di linea; 32.400 euro alla cura del verde ed in particolare per Piazza Cairoli, Piazza Duomo, Piazza Unità D’Italia, Piazza Unione Europea, scalinate, Cristo Re, Passeggiata a mare; 16.200 euro all’arredo urbano, in particolare per Piazza Duomo e vie limitrofe; 14.400 euro alla promozione turistica, locale e non; 9.000 euro alla segnaletica turistica pedonale; 5% alla manutenzione delle fontane, ed in particolare Nettuno, Orione, Falconieri, Senatoria, Gennaro, Pigna; 5%  ai percorsi accessibili nel centro storico”.

“Sarà pertanto necessario -continuano i consiglieri- che le somme, soprattutto per questo primo anno che si sono miracolosamente materializzate e che finalmente si spera verranno impiegate, siano utilizzate in modo da portare a risultati evidenti sul territorio, evitando quindi attività effimere e di scarsa valenza turistica, soprattutto in questo particolare momento di abbandono in cui versa la nostra città, manchevole di presupposti indefettibili per lo sviluppo turistico della stessa”.

(32)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *