Tari 2016: ecco come pagarla

tariSecondo quanto disposto con deliberazione del Consiglio comunale n. 24/C dello scorso 28 aprile,  per il pagamento della tassa sui rifiuti (TARI) sono stati previsti l’acconto e il saldo. Entro il 30 giugno di ogni anno verrà recapitato al contribuente un avviso bonario, con i bollettini di versamento delle due rate di acconto con scadenza 30 luglio e 30 settembre. Il pagamento potrà essere corrisposto anche in unica soluzione al 30 luglio. Entro il 30 novembre verrà inviata la rata a saldo, che avrà come  termine di scadenza il 10 dicembre. Per il contribuente il vantaggio di questa nuova articolazione del pagamento è dato dalle scadenze, che saranno sempre le stesse ogni anno, evitando, pertanto, il disagio della mancata programmazione della corresponsione del tributo.

Gli avvisi bonari verranno inviati per tempo rispetto alla scadenza e conterranno tutti i parametri per il calcolo della tariffa, compresa l’eventuale concessione di riduzioni (ad es. casa a disposizione, raccolta differenziata, riduzione numero occupanti). Nel caso le nuove tariffe non siano ancora state aggiornate, le rate saranno calcolate con le tariffe in vigore per l’anno precedente e l’importo richiesto sarà pari al 66% di quanto dovuto per l’intero anno. Gli utenti, che alla data del 20 luglio non avranno ancora ricevuto gli avvisi bonari, potranno richiedere i bollettini per il versamento agli uffici del dipartimento Tributi o a quelli delle circoscrizioni di appartenenza oppure ad uno dei seguenti indirizzi mail tares@comune.messina.ittributi@pec.comune.messina.it. Le denunce di eventuale variazione, intervenute nel corso dell’anno (vendita, cessazione, variazione di domicilio),  dovranno essere presentate entro il 30 settembre presso gli uffici del dipartimento Tributi. Un servizio rivolto agli utenti delle isole ecologiche, per reclami o rettifiche relativi alle agevolazione per la raccolta differenziata, sarà attivo  negli uffici di Messinambiente di via Dogali, 50, dal  lunedì al  mercoledì, dalle ore 10 alle 12, e dal martedì al giovedì, dalle 15 alle 17.

Inoltre, nei casi in cui, nell’ambito della differenziata nelle isole ecologiche, i contribuenti dovessero riscontrare in bolletta incongruenze in termini di ottenimento dello sconto  rispetto al materiale differenziato conferito, potranno rivolgersi per chiarimenti e informazioni allo sportello unico di via Dogali, 50, oppure inviare una mail all’indirizzo info@messinambiente.it o un fax al numero 090-6782147. L’istanza dell’utente dovrà indicare cognome, nome, codice fiscale, numero attribuito, numero dei componenti il nucleo familiare e recapito telefonico, specificando in quale isola ecologica è stato conferito il materiale differenziato. Per i reclami relativi la mancata agevolazione per il compostaggio domestico, l’utente si rivolgerà agli uffici ATO di via Cavalieri della Stella. Le rettifiche dovranno essere richieste entro il 30 settembre. La quota a saldo terrà conto della somma richiesta non di quella effettivamente versata. Eventuali somme date in eccesso verranno compensate con la bolletta Tari 2017 o rimborsate nel caso di importi superiori a 20 euro su istanza dell’utente. II mancato o insufficienti versamenti saranno recuperati con aggravio di sanzioni ed interessi.

Per tutte le nuove iscrizioni richieste in data successiva all’invio delle rate in acconto, la somma da pagare per il 2016 verrà richiesta in unica soluzione con l’invio del bollettino entro il mese di novembre con scadenza 10 dicembre. Nell’eventualità in cui l’importo annuale della tassa dovesse risultare inferiore a 50 euro non verranno richieste somme in acconto, ma l’intero importo verrà richiesto con la rata a saldo.

(371)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *