Studenti-corteo

Scuole senza riscaldamento: domani la protesta degli studenti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Al rientro dalle vacanze natalizie, gli studenti si sono trovati di fronte all’ennesimo problema nelle strutture scolastiche di Messina: il malfunzionamento o la totale assenza, in alcuni casi, di riscaldamento. È per questo che domani, alcuni istituti superiori (Verona Trento, Majorana, Caio Duilio e Jaci), organizzeranno un sit-in di protesta al Duomo.

“I Rappresentanti degli Studenti di Istituto e Consulta dei Plessi Verona-Trento, Marconi- Majorana, Caio Duilio e Jaci – si legge nel comunicato stampa- preso atto della condizione dell’impianto di riscaldamento dei plessi, delle ricadute a livello termico nelle aule e della difficoltà nello svolgere le lezioni, richiedono un immediato e tempestivo intervento in tutela della salute del corpo scolastico, al fine di garantire la continuità didattica e le condizioni minime di vivibilità sancite dalla legge all’interno dei locali scolastici. Si segnala la totale assenza dell’impianto di riscaldamento negli istituti Caio Duilio e Jaci ed un’insufficienza o inefficienza all’interno degli altri Istituti dovuta a guasti o mancanze strutturali, si specifica inoltre che dai rispettivi colloqui avuti con la Dirigenza si è riscontrata un’impossibilità da parte delle scuole a far fronte alle spese di adeguamento. Premesso e preso atto della gravità della situazione e delle circostanze che ci costringono ad azioni immediate e risultati celeri annunciano, per domani mattina, uno sciopero del Corpo Studentesco e relativo Sit-In di protesta a Piazza Duomo per esporre le loro ragioni, a seguire una delegazione di 10 persone costituite dai Rappresentanti dei Plessi  richiederà di essere ricevuta presso gli spazi della Provincia dal Commissario Romano al quale verranno chieste delucidazioni e tempi certi riguardo l’arrivo dei fondi e l’avvio dei progetti, verrà altresì richiesta la presenza del Prefetto, al fine di garantire un più ampio confronto ed una prospettiva maggiore a lungo termine. Consci della necessità di una soluzione a breve termine richiedono anche la presenza del Sindaco Renato Accorinti e di un esperto del Comune. Inoltre, a salvaguardia della salute del corpo scolastico richiederanno la sospensione dell’attività didattica nei plessi che non rientrino all’interno degli standard minimi di temperatura dettati dalla legge dopo i rilievi effettuati dalla Protezione Civile o Vigili del Fuoco”.

(303)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.