Nuovo orario ferrovie, Grasso: “Siciliani penalizzati, chiedo analisi contratto di servizio”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Anno nuovo, storia vecchia. Il nuovo orario ferroviario entrato in vigore poche settimane fa fa presagire un 2017 tutt’altro che roseo per i siciliani che utilizzano il treno per motivi di studio e lavoro. In particolare, secondo il deputato di Forza Italia Bernadette Grasso il sacrosanto diritto alla mobilità rischia nuovamente di venire calpestato.

Grasso ha raccolto diverse proteste di utenti e passeggeri, ha chiesto in via formale dei chiarimenti all’Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità della Regione. “Esaminando la nuova programmazione ferroviaria per l’anno 2016/2017 – spiega il deputato –  emergono molte criticità come già sollevato dai molti pendolari della tratta Messina/Palermo. Gli appelli degli utenti sono rimasti lettera morta: il diritto alla mobilità dei siciliani è quindi seriamente compromesso.”

“I disagi derivano dagli effetti del nuovo orario ferroviario quanto di una scarna, se non totale assenza di programmazione, di analisi/studio del flusso dei passeggeri, che non garantiscono – anzi peggiorano- il diritto alla mobilità dei medesimi, con riferimento al territorio ed alle fasce orarie indicate, tanto da obbligare quest’ultimi a scegliere mezzi alternativi di mobilità (bus, auto) a proprie spese, non consentendo e dunque non garantendo pertanto la fruizione del servizio di trasporto pubblico locale ferroviario svolto nella Regione siciliana.”

“Chiediamo l’analisi dei documenti che riguardano il contratto regionale di Trenitalia e che venga pertanto garantito il diritto universale alla mobilità degli utenti passeggeri del servizio ferroviario regionale sulla tratta Messina-Palermo entro i termini previsti dalla legge.”

(170)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.