Assunzione autisti, per l’Orsa l’Atm è spendacciona: “Potrebbe risparmiare 435mila euro

Pubblicato il alle

3' min di lettura

La decisione dell’Atm di ricorrere all’agenzia interinale per la recluta di nuovi autisti ha suscitato parecchi dubbi a consiglieri comunali e sindacalisti. Entrambi hanno in più occasioni puntato il dito contro i costi sostenuti dall’azienda trasporti. In particolare, l’Atm ha stanziato 1 milione e 105mila euro per l’assunzione di 37 nuovi conducenti a tempo determinato tramite bando che scadrà il prossimo 8 dicembre.

Con una nota indirizzata ad Amministrazione e Consiglio comunale, l’Orsa prova a fare i conti in tasca all’Atm. A detta del sindacato, l’azienda di via La Farina avrebbe potuto risparmiare ben 435mila euro se avesse fatto ricorso ad altre modalità di assunzione come i bandi pubblici. “Se dovessimo entrare nei meccanismi contabili delle nuove assunzioni di 37 autisti – spiega Orsa –  in cui un autista (nuovo assunto) con parametro d’ingresso 140 ha una retribuzione annua lorda, compresa di contributi e qualsiasi altro onere, di € 20.000,00, non otterremo la spesa di € 1.105.000,00 impegnate per l’Agenzia interinale, ma i seguenti risultati: assunzioni 30 autisti per 20.000,00 = 600.000,00 (somma impegnata da Atm per anni 1 per 30 autisti) assunzioni 37 autisti n. 37 per  10.000,00 = 70.000,00 (somma impegnata da Atm per mesi 6 per 7 autisti) assunzione totale di 37 autisti 670.000,00 (Totale spesa impegnata su assunzioni di n.37 autisti).

Quindi ne consegue, volendo dare un’analisi contabile alla precedente spesa di € 200.000,00 impegnata dall’Atm su i 20 (venti) autisti, assunti mediante agenzia interinale Temporary, per 4 mesi, senza ulteriore proroga, adottando diverso metodo di assunzione, l’Atm avrebbe avuto una spesa di € 133.333,00 e non (200.000,00) ottenendo un risparmio di € 66.666,66″.

L’organizzazione sindacale, quindi, in considerazione di quanto sopra descritto sul risparmio notevole di € 435.000,00 (1.105.000,00 – 670.000,00), pur ravvisando le necessità delle nuove assunzioni, non comprende le ragioni per cui l’Atm, non adotta altro meccanismo al fine di un abbattimento di spesa pubblica che vanno a ricadere sulla cittadinanza, invece di perseverare a raccogliere assunzioni. Con turnover delle agenzie interinali che ottengono beneficio e vantaggio a discapito della collettività a danno dei contribuenti.

L’Orsa, rivolgendosi anche al Commissario speciale Atm Domenico Manna, chiedono la revoca del dell’attuale bando e invitano la Partecipata a valutare e riconsiderare altri metodi di assunzione, “al fine di abbattere i costi che, sicuramente non sono favorevoli ad un’Azienda carente di risorse economiche, quindi che prevalga la ragionevolezza e la parsimonia del buon padre di famiglia”.

 

 

 

 

 

 

 

 

(217)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.