Società a corto di soldi e dipendenti in protesta. Santagati all’Atm:” Puntare su un sistema di trasporti integrato”. E per Messinambiente e Ato: “Vanno eliminati i doppioni”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

santagati“Le proteste messe in atto in questi giorni dai lavoratori dell’Atm, disperati perché non percepiscono lo stipendio da tre mesi, sono il frutto della ‘cattiva’ politica locale e regionale che non ha saputo programmarne un adeguato rilancio dell’azienda con l’azzeramento dei debiti. Esprimo la mia solidarietà ai dipendenti dell’azienda di trasporti”. Lo dice il candidato a deputato regionale di Libera Sicilia Gaetano Santagati che ribadisce: “Si deve riprogrammare il servizio comprando più vetture di tram e autobus e utilizzando un sistema di trasporti integrato. Se si dovesse andare verso la costituzione di una Spa si devono mantenere gli attuali dipendenti e puntare su standard qualitativi più elevati.” “Non è più rimandabile in generale – prosegue Santagati – un intervento deciso sulle partecipate regionali e locali, che sono state solo un posteggio per politici non eletti e fonte di sprechi e inefficienza. Innanzitutto, si devono eliminare i ‘doppioni’ come Messinambiente e Ato 3 creando delle sinergie. Per Messinambiente si devono recuperare tutti i crediti vantati e ripensare ad una società che punti molto sul riciclo e meno sul conferimento in discarica.
Si devono poi cancellare tutte le consulenze e prevedere solo un presidente per ogni partecipata con uno stipendio dimezzato. Infine, si deve fare un’analisi dei costi benefici di ogni singola azienda partecipata prevedendo dei piani di riprogrammazione e rientro dei debiti, fino all’eliminazione delle società inutili”.

(29231)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.