Scoglio si candida sindaco: “Farò una lista di scopo, prima i progetti, anche un comunista in squadra se competente”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

scoglioIl percorso sembra ormai definito. Ultime 24 ore di strategie ma Gianfranco Scoglio sarà un altro candidato sindaco: il candidato di Nuova Alleanza (il gruppo dell’ex sindaco Buzzanca) ma non solo, anzi come puntualizza l’ex city manager l’idea è proprio un’altra. Il progetto politico dell’ex assessore va oltre la nuova corrente del centrodestra che si è “staccata” dal Popolo della Libertà dopo l’esclusione dalle liste Pdl di Domenico Nania o dello stesso Buzzanca o del deputato regionale Santi Formica dalle ultime consultazioni Politiche. “Il discorso è un altro, non è prettamente politico o partitico – dichiara Scoglio – parte proprio dal Piano Strategico Messina 2020 che è stato approvato dal consiglio comunale, il Piano strategico è il mio programma elettorale che non ha colori politici, il Pd lo ha approvato e mi ha reso orgoglioso di essere messinese come ho già sottolineato”. Scoglio parte proprio dai Programmi che potrebbero ricevere i fondi europei per essere realizzati. I sette punti, dopo un ampio confronto negli anni scorsi con la città, sono: Piattaforma logistica di distribuzione delle merci in entrata e uscita dalla città; Riconversione delle aree ferroviarie e delle zone ex industriali; Centro Direzionale Maregrosso con servizi per il turismo; Città della Scienza ed alloggi per giovani e per studenti; Rigenerazione colline dei villaggi con interventi di ingegneria naturalistica finalizzati all’ agricoltura; Piano Particolareggiato Mortelle – Tono e rifunzionalizzazione Pilone Capo Peloro; Parco Naturalistico – Turistico Mortelle Tono.”Partiamo dai progetti e non dalle appartenenze – prosegue Scoglio – Messina è una citta in condizioni economiche drammatiche, Messina è “morta” economicamente, dobbiamo risvegliarla e dunque mettere al primo punto i piani di Sviluppo; queste sono le linee-guida per lo sviluppo della città, a breve presenterò anche i progetti per Atm, Messinambiente e Servizi sociali, ho delle idee anche per le partecipate e le attività sociali”. Nel centrodestra un candidato c’è già ed è il parlamentare nazionale del Pdl Vincenzo Garofalo. L’ex sindaco Buzzanca avrebbe voluto le primarie ma visto che il Popolo della Libertà non ci “sente” Scoglio sarà candidato. “Mi candiderò – risponde Scoglio – ma non con il marchio di un gruppo politico specifico, presenterò una lista di scopo, la mia sarà una candidatura di scopo che sottoporrò ai messinesi, in testa vengono i progetti e non i partiti e le correnti, con Nuova Alleanza c’è questa condivisione sui progetti più che sulle appartenenze politiche, la mia candidatura sarà aperta alla città, anzi vi dico che chiederei anche a un comunista militante ma competente in una determinata materia di far parte della mia squadra, non m’interessano le appartenenze politiche ma i progetti e le competenze che possano portare avanti i programmi”. E Garofalo? “Garofalo è parlamentare, con la sua elezione Messina perderà un deputato e non può permetterselo, rispetto Enzo Garofalo ma la mia idea è un’altra: prima i progetti”. @Acaffo

(68)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.