Scoglio con assessori

Scoglio presenta le prime 5 delibere in 50 giorni: “Farò ripartire Messina, dobbiamo resistere fino al 2015”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Scoglio con assessoriHa scelto una delle piazzette tematiche realizzate sotto l’amministrazione Buzzanca: Gianfranco Scoglio, candidato sindaco di Nuova Alleanza, ha presentato questa mattina le cinque delibere nei primi 50 giorni per far ripartire Messina. Accanto a lui gli assessori designati Franz Riccobono e Oriana Celesti. Questo il contenuto:
FINANZA PUBBLICA e AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE
Rimodulazione piano riequilibrio antidissesto. Inizio procedimento affidamento 2015 servizio distribuzione gas (100 mln euro). Condono tributi comunali. Vendita e definizione agevolata morosità canoni locazione immobili comunali. Esenzione addizionale IMU sulla prima casa per famiglie numerose. Conclusione procedimento entro 30 giorni dalle richieste di concessioni edilizie in corso di istruttoria. Pubblicazione bandi lavori pubblici finanziamenti comunitari.Certificazione in 30 giorni crediti alle imprese.
2 – ARREDO URBANO
Assessorato alle piccole cose. Convenzione con Azienda Foreste Demaniali ed impiego lavoratori beneficiari della Cassa Integrazione per manutenzione verde pubblico e gestione riserva Capo Peloro (risparmio 2 mln).
3 – SOSTEGNO FAMIGLIE
Carta acquisti (social card)superamento della condizione di povertà, reinserimento lavorativo e inclusione sociale (in via sperimentale 2 mln).Previsione inserimento bando “Rada San Francesco” Autorità Portuale tariffa agevolata per i residenti a garanzia continuità territoriale (costo zero).
4 – COMMERCIO
Centro commerciale naturale con previsione esenzione pagamento COSAP per spazi esterni dei pubblici esercizi con utilizzo di arredi ecocompatibili.
5 – POLITICHE GIOVANILI
Sostegno ed incentivi imprese giovanili per servizi turistici (1 mln) valorizzazione lago Ganzirri e pubblicazione bando affidamento in concessione e gestione Pilone. Affitto tetti immobili pubblici per installazione fotovoltaico con pagamento canone mediante cessione di energia (risparmio 1 mln)

Scoglio ha detto: “Con il nuovo Piano decennale di riequilibrio eviteremo il dissesto ma con le risorse che risparmieremo o entreranno nelle casse destineremo il 50% per investimenti e per la nascita di nuove imprese altrimenti la crisi non passerà, i soldi li troveremo, dobbiamo resistere fino al 2015 quando il Comune diventerà proprietario delle reti del gas e il privato che gestirà il servizio dovrà pagare il canone”.

(44)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.