Riscossione Sicilia pignora stipendio a deputati Ars e va in Procura

ars_siciliaLa batosta, per l’Ars, è firmata Antonio Fiumefreddo, presidente di Riscossione Sicilia, che ha preannunciato la consegna alla magistratura palermitana di una lista di deputati dell’Ars che, a suo dire cattivi debitori, hanno avuto pignorato parte dello stipendio dalla società da lui diretta.

La lista, intanto, è integralmente pubblicata dal quotidiano La Sicilia, che riporta 24 nomi ( con relativo importo debitorio) su cui è calata la scure di Riscossione Sicilia.
24 deputati regionali in debito- si legge su La Sicilia- per cifre variabili tra i 2mila euro e i 187mila euro.

24 nomi eccellenti che il quotidiano La Sicilia riporta integralmente. Intanto, ancora a caldo, arriva già la smentita da parte di una delle personalità politiche che la black list dà come debitore di 3.500 euro: il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone.

“Non ho alcun pignoramento in corso, ne’ Riscossione Sicilia ha titolo alcuno per avviare un’azione esecutiva nei miei confronti – ha detto Ardizzone -.

Ma oltre Ardizzone, tra i ‘nominati’ ci  sono parecchi  deputati messinesi.

Per i più maligni, dietro l’azione di Riscossione Sicilia, ci sarebbe la ritorsione per la bocciatura all’Ars della ricapitalizzazione della società di riscossione.

(515)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *