Regolamento Tares: è accordo tra Signorino e il Consiglio

consiglio comunaleAmministrazione comunale e Consiglio si stringono la mano. Trovato l’accordo sul regolamento della Tares che sarà pagata nel 2014 e che riguarda le spese dei rifiuti per l’anno in corso. Il vicesindaco Guido Signorino ha incontrato i capigruppo di centrosinistra e centrosinistra ha chiuso il cerchio che porterà nel 2014 al versamento della Tares in tre rate: il 33% per ogni bolletta da pagare. Ma il piano che sarà votato la prossima settimana in Consiglio prevede sconti reali per chi farà la raccolta differenziata. Già da queste ultime settimane del 2013 e per tutto il 2014 chi si recherà nelle Isole Ecologiche a gettare carta, cartone, vetro e plastica riceverà uno scontrino che sommati a tutti gli altri dell’anno consentirà al cittadino di avere una detrazione nel calcolo del pagamento per il 2014 che sarà versato nel 2015. Anche chi acquisirà in casa un compattatore per l’umido avrà agevolazioni sulla futura Tarsu che si chiamerà Tari. “E’ un’intesa proficua – ha detto Signorino al termine dell’incontro con i capigruppo – c’erano delle vedute differenti su cosa fare che abbiamo superato”. Dopo l’approvazione in Consiglio della delibera sul regolamento la giunta emetterà un provvedimento su quanto pagare nel 2014 e sulla agevolazioni per la differenziata. “Il principio – ha concluso Signorino – è quello che paga di più chi inquina di più”. Soddisfatti i capigruppo come Mario Rizzo dell’Udc ed Elvira Amata dei Democratici Riformisti, quest’ultima ex assessore all’Ambiente che ha affermato: “Finalmente si potrà cominciare sul serio a fare la differenziata grazie alla premialità che abbiamo fortemente voluto, è un accordo che varrà per il prossimo anno ma che pone le basi per una nuova gestione della differenziata”. Saranno ritirati tutti gli emendamenti consiliari presentati negli ultimi giorni e il vicesindaco Signorino li ingloberà in un maxiemendamento che correggerà tutta la delibera.

(54)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *