Regolamento Tares: domani Consiglio urgente ma resterà in vita l’attuale delibera

consiglio comunaleSarà mantenuta la delibera di giunta comunale sul nuovo regolamento della Tares, la tassa sulla gestione dei rifiuti. Il Consiglio comunale è stato convocato d’urgenza domani alle 19 dove saranno passati in rassegna gli emendamenti dei gruppi politici già concordati la scorsa settimana tra il vicesindaco Guido Signorino e i capigruppo consiliari, e probabilmente sarà dato l’ok definitivo dell’aula al provvedimento. All’ordine del giorno la riapertura dei termini di presentazione dei correttivi alla delibera n. 621 del 20 agosto 2013 (regolamento Tares) dopo la lettera del sindaco Renato Accorinti del 9 novembre scorso che revocava il ritiro della deliberazione. Oggi il nuovo incontro tra Signorino, il segretario generale Antonio Le Donne e i capigruppo che ha portato alla decisione di poter mantenere l’attuale provvedimento votando gli emendamenti senza ritiro dell’atto. Era stato il Pd, la scorsa settimana, a rilevare il possibile vizio di forma sulla presentazione della nuova delibera che avrebbe portato tempi lunghi prima della nuova approvazione tra la pubblicazione all’Albo Pretorio, il passaggio in commissione e successivamente in Consiglio. Il regolamento della Tares 2013 prevede che sarà pagata nel 2014 e si profila un deciso aumento della differenziata con il sistema delle premialità fiscale per i contribuenti. L’accordo prevede nel 2014 il versamento della Tares in tre rate: il 33% per ogni bolletta da pagare. Ma il piano che sarà votato domani in Consiglio prevede sconti reali per chi farà la raccolta differenziata. Già da queste ultime settimane del 2013 e per tutto il 2014 chi si recherà nelle Isole Ecologiche a gettare carta, cartone, vetro e plastica riceverà uno scontrino che sommati a tutti gli altri dell’anno consentirà al cittadino di avere una detrazione nel calcolo del pagamento per il 2014 che sarà versato nel 2015. Anche chi acquisirà in casa un compattatore per l’umido avrà agevolazioni sulla futura Tarsu che si chiamerà Tari. 

 

(50)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *