Protesta contro Tari. Tiano: “Solo doveri per i cittadini”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

La Federazione Nuova Destra si associa alla protesta contro la Tari, indetta dall’associazione “L’Altra Messina”,  per  il prossimo 18 Ottobre, in Piazza Municipio.

“Dopo tanti solleciti – afferma Franco Tiano, portavoce di Federazione Nuova Destra – da parte nostra e di diverse realtà che operano nel tessuto politico e sociale di questa città,  finalmente i cittadini hanno voglia e determinazione di manifestare  la  loro totale avversione ad un modo di operare che continua a favorire le logiche opportunistiche e circoscritte di chi amministra ed ha avuto un mandato.  Sono quei cittadini che  avendolo dato, quel mandato,  si aspettavano  un miglioramento delle condizioni sociali e della vivibilità del territorio”.

“Non è ammissibile – sottolinea -, riteniamo con forza, che i cittadini debbano vivere soltanto di doveri, mentre i loro diritti vengono calpestati e posti in secondo ordine”.

“Riguardo la raccolta dei rifiuti – spiega -, in questi ultimi anni d’amministrazione, abbiamo continuato a subire in malo modo  rischiando tutto, sia sotto l’impatto economico (abbiamo una pressione tributaria alle stelle) che igienico- sanitario (montagne di spazzatura lasciata a decantare accanto i cassonetti e nella discarica abusiva di Pace ed i liquidi a penetrare  il suolo e diffondersi a macchia di leopardo)”.

“La stessa raccolta differenziata – prosegue Tiano -, tanto pubblicizzata e sostenuta dall’amministrazione, si è dimostrata fallimentare. Questo perchè alla base del progetto non sono stati previsti i luoghi ideali per la raccolta, non sono stati acquistati i mezzi e gli strumenti adatti, non è stato previsto un piano operativo che coinvolgesse seriamente il cittadino. Ma soprattutto, non sono stati calcolati i costi di trasporto e/o spedizione del differenziato, che da soli superano di  gran lunga quelli attualmente sopportati dai cittadini e per i quali sono costretti a protestare”.

“Un Fallimento totale, quindi – dichiara -, di questa amministrazione, che oggi vuole compensare economicamente attraverso laumento del 6/7 % del tributo Tari, che associato a quello dell’Imu e della Tasi diventa uno tsunami economico per le famiglie messinesi”.

La Federazione Nuova Destra, pertanto, protesta “per l’aumento dei tributi, unendosi a tutte le forme di lotta possibili  per bloccarne la delibera, che saranno discusse e rese pubbliche dopo una riunione operativa di tutte le realtà aderenti  alla protesta e per il diritto di ottenere un servizio, ottimale, duraturo, incisivo ed utile per la cittadinanza”.

“Protestiamo, inoltre – prosegue – , contro i pochi che hanno voluto decidere le sorti della Tari, guardando ad un proprio tornaconto e non a quello dei cittadini. Protestiamo contro i Consiglieri Comunali, che non hanno voluto affiancare Piero Adamo, nella sua proposta di sfiducia a questa amministrazione fallimentare”.

“Chiediamo al Prefetto Trotta – conclude Franco Tiano, portavoce di Federazione Nuova Destra – d’intervenire con il commissariamento di tutti gli Enti cittadini, che con la loro attività continuano ad essere un peso economico per l’Amministrazione Comunale e per la crescita e lo sviluppo economico ed occupazionale di tutto il territorio. Enti dati in mano a professionisti ben retribuiti, che non hanno saputo imprimere quel cambiamento necessario e quel dialogo trasparente e concreto, di cui Messina ha bisogno”.

(180)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.