Niente navi sullo Stretto. L’Or.S.A. blocca le corse e la Caronte replica: «Dovranno assumersi la responsabilità». Accordo tra privati e Ferrovie dello Stato per tutelare oggi i viaggiatori

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Nessuna nave della Caronte & Tourist in servizio sullo Stretto. Iniziato alle 12.00 lo sciopero indetto dal sindacato autonomo Or.S.A. a cui si sono uniti i marittimi di altre sigle contro il licenziamento di 69 unità. caronte-touristL’Or.S.A. ha impedito la partenza della nave Acciarello che avrebbe dovuto garantire i servizi minimi. Tiziano Minuti, direttore del personale, ha detto che il sindacato dovrà assumersi la responsabilità di questa azione. Le Forze dell’Ordine hanno deviato il traffico verso gli imbarcaderi pubblici delle Ferrovie, dove gli utenti muniti del biglietto della Caronte, in funzione dell’accordo tra i privati e la società pubblica, potranno effettuare la traversata. Lo sciopero proseguirà sino alle 12.00 di domani. Il servizio minimo dovrebbe essere garantito dalle 18.00 alle 21.00 e dalle 6.00 alle 9.00 di domani. Le posizioni di sindacato e privati sulla vertenza restano molto distanti. La Caronte & Tourist non riconosce l’Or.S.A. come un sindacato con cui trattare perché non firmatario di contratto nazionale di lavoro. L’Or.S.A. replica che ha i numeri tra il personale per trattare con i privati.

@Acaffo 

(53)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.