Maltempo a Messina. La Fauci: «Più interventi prima delle emergenze»

Giandomenico La Fauci consigliere comunale OraMessina - MessinaMessina. Mentre il maltempo sembra dare qualche ora di tregua, si fa la conta dei danni causati dalla pioggia degli ultimi due giorni. Alberi caduti, frane e allagamenti sono routine quotidiana della stagione invernale, ma Giandomenico La Fauci, consigliere di Ora Messina, non ci sta e denuncia il degrado in cui riversano alcune zone della città: «Gli interventi sul territorio sono necessari, e l’attenzione di chi amministra deve essere alta, anche quando i casi non sono di massimo richiamo mediatico».

«Come accade ormai da troppo tempo – scrive il consigliere Giandomenico La Fauci – sono i momenti di emergenza a far scattare gli interventi di messa in sicurezza o di semplice manutenzione. Il forte maltempo degli ultimi giorni ha fatto accendere i riflettori sulle condizioni, al limite, di svariate zone della città».

A preoccupare i Consiglieri comunali, già nei giorni scorsi, è in particolare il torrente Giostra, nella zona di San Michele, dove gli abitati sono esposti a rischio allagamento; ma questo non sembra essere l’unico problema: «Ricevo giornalmente – spiega La Fauci – segnalazioni da parte di cittadini costretti a convivere con situazioni al limite. Da mesi gli abitanti di Ritiro denunciano lo stato della piazzetta posta al centro del rione: sporcizia, mancata scerbatura e presenza di insetti e topi.

Le varie amministrazioni hanno dimenticato i cittadini, è impensabile che non venga predisposto un controllo periodico con interventi che evitino i casi di emergenza e pulizia straordinaria. La piazzetta di Ritiro rappresenta uno dei luoghi tipici del vivere giornaliero dei cittadini messinesi, che non possono essere lasciati in condizioni igieniche estreme».

albero caduto via pescheriaUn altro caso segnalato da Ora Messina è quello di via Pescheria, dove, nel maggio scorso, era caduto un albero, rimosso solo grazie all’intervento dei privati: «Più volte gli abitanti della zona hanno protestato contro questa situazione, inutili i sopralluoghi effettuati, perché non accompagnati da interventi risolutivi. Come è possibile – si chiede La Fauci – che una simile cosa accada in una città come Messina?».

(96)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *