Luigi Genovese risponde all’attacco di Cateno De Luca:«Ridicolo e denigrante»

La frecciatina lanciata dal sindaco di Messina a Luigi Genovese non è rimasta inascoltata. Il deputato regionale, infatti, risponde a tono alle accuse di Cateno De Luca che stamattina, nel suo resoconto sul Cambio di Passo, ha affermato: «L’unica compagine politica che realmente vuol andare a votare è quella che fa riferimento all’on Luigi Genovese perché c’è il desiderio e la necessità di rimettere le mani sulla città».

Una frase che non è piaciuta a Luigi Genovese che replica al sindaco di Messina senza peli sulla lingua. « De Luca, dopo la fallimentare proposta dell’”intergruppo”, rispedita al mittente dalla quasi totalità delle forze politiche presenti in Consiglio Comunale, non può far altro che riprendere il filo della sua memorabile campagna elettorale, condita da tram volanti, attacchi personali e volgari, yacht inesistenti, manette appese alla porta della sua segreteria, partecipate da cancellare (poi moltiplicatesi), dietrologie, “tricicli”, “sedute spiritiche”, teorie del complotto, ma soprattutto dallo sventolio costante del “fantasma Genovese”, adesso rispolverato per mascherare goffamente la sua incapacità di accettare il concetto stesso di avversario politico, che nella sua filosofia di bassa lega diventa un nemico da infangare e ridicolizzare».

«Il sindaco De Luca, nei suoi 18 mesi di governo della città – continua Luigi Genovese – ha cavalcato un terribile piglio antidemocratico attraverso cui prova costantemente ad annichilire il principale organo collegiale della città: minacce e ritorsioni nei confronti del Consiglio Comunale sono la costante della sua azione politica declinata all’ “Io Sono”.  Adesso, al cospetto della palese contrarietà espressa dalle forze politiche di accettare a scatola chiusa il sostegno alla sua azione amministrativa, non rimaneva altro da fare, al sindaco De Luca, che ricreare un processo di polarizzazione del dibattito pubblico: o con me o con Genovese. Ridicolo e denigrante. Una “strategia” che squalifica un sindaco che sempre più spesso dimentica di rappresentare uno dei più popolosi, illustri e blasonati comuni del Mezzogiorno italiano. La città che lo ha accolto e in parte votato, e che per lui, nonostante ciò, non rappresenta, come dovrebbe, un punto di arrivo ma un trampolino da utilizzare per far dilagare la sua smisurata ambizione personale. Sulle idiozie sviscerate nel corso della sua campagna elettorale per le amministrative del 2018 non mi ero pronunciato: ho scelto di farlo per evitare di abbassarmi a certi livelli di interpretazione della dialettica politica in cui non mi riconosco e mai mi riconoscerò. Ho anche detto pubblicamente, all’indomani della sua elezione, che da quel momento De Luca sarebbe stato “il mio sindaco”. Poco più avanti, ho pure manifestato il mio sostegno all’operazione volta all’eliminazione delle baracche. A tutto ciò, va aggiunto che i gruppi politicamente vicini al sottoscritto, hanno sostenuto quest’amministrazione nel merito delle proposte e continueranno a farlo. Inutile, pertanto, che De Luca scriva “Luigi Genovese vuole rimettere le mani sulla città” (ma quando, peraltro, avrei messo “le mani sulla città”?) perché il punto chiave è un altro: i consiglieri comunali, nell’esercizio delle proprie funzioni, pretendono semplicemente che De Luca non governi questa città a mani libere. Questa, piaccia o meno a De Luca, si chiama dialettica democratica. E se questo il sindaco non riesce ad accettarlo, allora si dimetta, perché Messina non può permettersi che questa paralisi politico-amministrativa si protragga ancora per molto. Ma guarda caso, dopo aver preso atto di non potere controllare il Consiglio Comunale attraverso la risibile tecnica della minaccia di dimissioni, il sindaco, piuttosto che prenderne atto e farlo davvero, quel passo indietro, si scaglia contro il sottoscritto e contro quei consiglieri che – evidentemente a differenza sua – non sono affetti da “poltronite” e con senso di responsabilità ritengono che Messina meriti un governo che possa tracciare una strategia e una visione di futuro che non riduca l’attività di governo ad una inconsistente attività di gestione. Il giochino della demonizzazione di Genovese non può sortire più alcun effetto sulla cittadinanza, nemmeno sui suoi sostenitori. È bene che il sindaco De Luca ne prenda atto».

(1158)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *