Il Pilone è in degrado. Daniela Faranda interroga il sindaco

tn piloneilluminatoIl Pilone di Torre Faro, in funzione dal 1956 al 1994, è divenuto con gli anni una vera e propria attrazione della città mai sfruttata a dovere, tenendo in considerazione anche la particolare posizione in cui si trova.

Il “grattacielo di Messina” sembra ormai essere abbandonato al suo destino. Il consigliere comunale Daniela Faranda accende i riflettori sulle condizioni del traliccio che non riceve adeguati interventi da anni. “Gli interventi di manutenzione straordinaria eseguiti per conto dell’Enel  nel lontano 2001 – spiega l’esponente Ncd –  garantivano le necessarie condizioni di sicurezza della struttura limitatamente ad un decennio (quindi fino al 2010), restando a carico del Comune l’onere dei successivi interventi, atti a garantire la sopravvivenza della struttura stessa, sottoposta alle fortissime sollecitazioni dei violenti venti di scirocco e di maestrale. Nessun intervento – continua Faranda –  risulta essere stato eseguito ad oggi dal Comune e, ad una attenta visione del Pilone, appaiono già evidenti attacchi di ruggine e segni di forte degrado, tali da mettere in grave rischio l’incolumità pubblica”.

Daniela Faranda chiede, dunque, al sindaco Accorinti se sono stati già predisposti interventi per la messa in sicurezza del Pilone o almeno sia stato chiesto un finanziamento in merito. Faranda sollecita, inoltre,  l’amministrazione comunale ad incentivare la vocazione turistica della zona, riqualificando al contempo un’area suggestiva quanto degradata.

(245)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *