Il consigliere Cucinotta sospeso dal Pd. Aveva scritto su FB: Meglio omofobi che sodomiti”

Foto_Caffo_Nicola_Cucinotta“Non c’è posto nel PD siciliano per chi usa toni offensivi, omofobi e razzisti. Ho già chiesto al presidente della commissione regionale di garanzia, Giovanni Bruno, di acquisire tutte le informazioni e di assumere le decisioni conseguenti a cominciare dalla sospensione che ha già effettuato.” Così il segretario regionale del PD Fausto Raciti a proposito delle affermazioni del consigliere comunale Cucinotta di Messina.

Questo è un post pubblicato sulla pagina Facebook del Pd Sicilia, con 62 “mi piace” e 41 condivisioni, gli utenti hanno mostrato di apprezzarlo.

Il post scaturisce dalla frase, postata sullo stesso social lo scorso 26 settembre, dal consigliere comunale del Pd, Nicola Cucinotta. Questa la frase: “Meglio omofobi che sodomiti”, contro la quale sono insorti in molti.

Cucinotta così ‘spiega’ il post: “Per quanto mi concerne, meglio essere definito “omofobi” “razzista” “troglodita”, piuttosto che “sessista”, anziché “peccatore”, “ipocrita” e “sodomita”. Purtuttavia, nonostante le avversità riscontrate, CONTINUERÒ e persevererò a sostenere talune battaglie, che pur risultando, per taluni, troppo conservatrici, discriminatorie e fuori moda, orgogliosamente ammetto che mi vengo dettate dalla coscienza e dalla fede.”

Una spiegazione che non placato l’effetto dirompente del primo post, che intanto gli è costato la sospensione dal partito. Ma se ne sta valutando l’espulsione.

(326)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *