I big a comizio, Ferrero (Rifondazione): “I deputati Cinquestelle non conteranno nulla”

Paolo FerreroInizia la sfilata dei big a Messina per le elezioni Europee del 25 maggio.

Ieri pomeriggio il segretario nazionale di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero, ha tenuto il comizio a piazza Cairoli a sostegno della lista Tsipras che vede tra i candidati Antonio Mazzeo.

“L’Europa così com’è non va bene – ha detto Ferrero – questa è l’Europa della Merkel ma anche di Renzi, di Monti, di Letta, l’Europa l’han governata sia i socialisti che i popolari, l’alternativa a questa Europa non credo che sia chiudersi ritornando all’autarchia e dunque non vanno bene le ricette della Lega Nord e di Grillo, noi proponiamo la strada di abbattere le politiche di austerità smettendo che la Banca centrale europea finanzi le banche private e la speculazione ma andando a investire su di un Piano di lavoro europeo per milioni di posti di lavoro, noi saremo il terzo gruppo parlamentare in Europa, lo Stato italiano poi la deve smettere di applicare i trattati internazionali che strozzano l’economia italiana, Renzi non reciti ma tolga la firma sul fiscal compact, siamo gli unici che propongono di uscire dall’austerità senza andare verso il nazionalismo”.

Sul sindaco Renato Accorinti che sostiene ufficialmente la lista Tsipras e sull’ok della giunta per le autorizzazioni a procedere che ha dato il via libera all’arresto del deputato nazionale Francantonio Genovese questo il commento di Ferrero: “Accorinti è lo Tsipras di Messina nel senso che è riuscito in questi finti bipolarismi tra centrodestra e centrosinistra a dire basta e gestire la macchina comunale in modo diverso pur nella scarsità di risorse, su Genovese penso e spero che la Camera voti per l’autorizzazione a procedere perché chi si è “fregato” i soldi pubblici deve andare in galera, più ce ne vanno di quelli che rubano e meglio è, il poveraccio che fa un “furtarello” va in galera e invece quelli che “rubano” tanto e hanno buoni avvocati rischiano di non andare mai in galera ed è una vergogna”.

Ultime stoccate a Grillo: “Queste elezioni Europee con un cattivo sistema d’informazione sembra che siano elezioni italiane e non si capisce bene che per la prima volta c’è l’elezione diretta del presidente della commissione Europea, noi come Sinistra Europea abbiamo unito tutta la Sinistra verso un compagno greco invece tanto il Pd quanto Forza Italia hanno scelto dei tedeschi come presidenti della commissione, Schultz e Juncker che sono per le politiche di austerità, la Lega Nord addirittura c’ha un fascista come la Le Pen mentre Grillo non è apparentato con nessuno, per cui Grillo eleggerà i suoi deputati che finiranno probabilmente nel gruppo misto e dunque non conteranno nulla”. @Acaffo

(56)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *