Gli appuntamenti elettorali di oggi a Messina: Ferrero (Rifondazione Comunista), con Santagati e Sturniolo, e Marchetti (Libera Sicilia)

Pubblicato il alle

2' min di lettura

 

santagatiOggi a Messina si terranno due banchetti di raccolta firme per il referendum sul lavoro, volto al ripristino dell’articolo 18 e per l’abolizione dell’art.8. Alle due iniziative parteciperà il Segretario Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista Paolo Ferrero e saranno presenti anche Gaetano Santagati e Luigi Sturniolo, candidati alle prossime elezioni regionali del 28 ottobre nella lista “Claudio Fava Presidente”. «Riteniamo profondamente errate – si legge in un comunicato − le due ennesime misure prese contro i lavoratori dal governo Berlusconi e dal governo Monti (mostratosi quest’ultimo in perfetta continuità col precedente). Favorire i licenziamenti (modifica art. 18) e distruggere il contratto nazionale (art. 8) non fanno altro che aggravare l’attuale situazione per milioni di lavoratori». I due banchetti si troveranno dalle 9.30 al mercato dello Zir e dalle 11 a Piazza del Popolo (Piazza Francesco Lo Sardo).

Sempre oggi, alle ore 18 a Piazza Cairoli, Maurizio Marchetti, candidato all’Ars per la lista Marano/Fava, incontrerà i cittadini. Domani, lunedì 22, alle ore 17.00 nella sala commissioni della Provincia di Messina, Marchetti parlerà di trasporto pubblico locale. Hanno già dato la propria adesione Antonino Vitetta (Università Mediterranea di Reggio Calabria), Guido Signorino (Università di Messina), Antonello Longo e Gabriele Siracusano, già presidente dell’Azienda municipale trasporti di Messina. Martedì 23, infine, alle ore 11 al Comune di Messina discuterà di cultura con le associazioni, gli operatori e i lavoratori del settore, oltre che con tutti i cittadini interessati. «La cultura dovrebbe essere la prima ‘industria’ della Sicilia», scrive in una nota. E «non si può accettare questa realtà fatta di tagli e miopia progettuale, di mancata programmazione e di indifferenza, di emergenze continue e di opere incompiute, di mancanza di spazi e di gestioni complicate».

 

 

 

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.