Emergenza sociale “esplosa” a Palazzo Zanca e davanti al Tribunale. I sindacati: “È Roma che deve muoversi, dobbiamo farci sentire dalla politica nazionale”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

palazzo zancaUn gruppo di dipendenti di MessinAmbiente in attesa da settembre con la raccolta dei rifiuti che, per mancato acquisto di gasolio, da questa mattina è ferma, i lavoratori delle cooperative sociali a secco anche da dicembre 2011 come la cooperativa Arzilla, che si occupa di minori italiani e africani, ma c’erano anche addetti di Nuove Solidarietà, Faro 85, Nuova Presenza; e poi all’ingresso del tribunale gli operai delle pulizie ma anche quelli del Cus che comunque con il Comune non c’entrano nulla. È emergenza sociale a Messina, lo si sapeva da tempo, e oggi è “esplosa” all’ingresso del municipio perché Palazzo Zanca non ha più soldi neppure per pagare le bollette. Figuriamoci per stipendi e servizi pubblici. Questa mattina, inoltre, assemblea generale all’azienda trasporti dove gli arretrati arrivano al 30% del saldo di luglio. Cosa fare? Mentre tutti i lavoratori hanno gridato “Non possono dire che non ci sono soldi, devono trovare soluzioni”, i sindacalisti sono stati più cauti sostenendo che c’è bisogno che l’opinione pubblica nazionale punti finalmente gli occhi su Messina. “La vertenza Messina è a Palermo grazie a Maurizio Bernava – ha detto Saro Contestabile della Fp Cisl – ma non sono i sindacati a dover o poter fare qualcosa. È Roma che deve muoversi, dobbiamo farci sentire lì, dalla politica nazionale”. Clara Crocé della Funzione Pubblica Cgil ha annunciato che su quanto sta succedendo a Messina ha interessato la segreteria nazionale e che nei prossimi giorni verrà in città Cecilia Taranto, esponente nazionale della Funzione Pubblica Cgil per tracciare il quadro dei servizi sociali a Messina. Il Comune, anche oggi, era “presidiato”. Sui tempi e sulle soluzioni non si hanno notizie. Ed è questa la notizia più grave. Domani i segretari di Cgil, Cisl e Uil saranno ricevuti dal commissario del Comune Luigi Croce. Poi un incontro congiunto tra i segretari e le decisioni su cosa e come continuare le proteste.

@Acaffo  

(46)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.