Alessandro Russo Consigliere Comunale di Messina

Elezioni amministrative, Alessandro Russo si ricandida al Consiglio Comunale

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Lo ha comunicato il consigliere comunale stesso con un lungo post sui social: Alessandro Russo intende ricandidarsi al Consiglio Comunale alle elezioni amministrative previste a Messina, orientativamente, tra maggio e giugno 2022. «Molti di voi saranno delusi – scrive –, altri mi sproneranno a continuare, altri ancora si sfileranno annoiati, chissà. Ma in fin dei conti, è per tutto questo che mi troverò a chiedere ancora una volta a ciascuno di voi la fiducia per poterci tentare ancora una volta».

Mentre ancora nel centrosinistra c’è incertezza su chi sarà il candidato sindaco di Messina – il nome portato avanti dal Pd è quello di Franco De Domenico, ma Cambiamo Messina dal Basso si è presa del tempo per riflettere e decidere se rimanere o meno nella coalizione –, l’esponente in consiglio comunale del partito democratico fa un passo avanti e annuncia la sua ricandidatura alla prossima tornata elettorale.

«È deciso – ha scritto Alessandro Russo sui social. Mi ricandiderò a rappresentare la Città di Messina al Consiglio comunale. I miei primi anni a Palazzo Zanca sono stati una prova di crescita, di maturazione e di attività incessanti; ogni giorno, un banco di prova, una sfida a conoscere quante più cose, quanti più documenti, quanti più meccanismi di gestione del potere, per indirizzarlo, per controllarlo, per forzarlo sulla via del bene collettivo. A cercare di fare sempre del mio meglio e onorare il gravoso ma esaltante incarico a cui i cittadini mi hanno chiamato.

Ho saputo essere all’altezza delle loro aspettative o di quelle della città? Non saprò mai dirlo: avrò mille volte sbagliato, spesse volte fatto la cosa giusta, poche altre volte non sarò stato in linea con aspettative o attese di tutti. Ma ho fatto tutto con passione e osservando con rigore i miei principi politici, ideali e morali, mettendo tutto me stesso in questo incarico pubblico. Forse troppo me stesso, sacrificando passioni, affetti vita personale e lavorativa, come ben sa chi mi sta accanto e mi conosce. Ho rimpianti, in questo? Nessuno.

Sapevo e so che rappresentare la città significa dedicare ogni tempo e ogni spazio di vita ad essa, senza indietreggiare e senza aspettarsi nulla se non fatica e delusioni, molte volte. Vorrei avere l’onore di continuare in questo percorso complicato, stancante e irto di scommesse che sovente si perdono, perché in questo momento prevale in me una inesauribile voglia di continuare le tante lotte di rappresentanza e cittadinanza che ho cercato di avviare e che necessitano di essere ultimate.

Perché questa città meravigliosa ma sfortunata non debba più conoscere le discriminazioni profonde delle povertà, economiche, sociali, educative; la mortificazione del bisogno di chi vive la fame ogni giorno e la paura di non avere un tetto sulla testa; l’intolleranza e la violenza verso chi ama chi non è ritenuto “normale” o verso chi è oscenamente ritenuto “diverso” sol perché non in linea con una “norma” di genere totalmente fuori dal tempo e dal diritto; il disagio dei giovani e le paure di non essere all’altezza delle sfide quotidiane; le sofferenze di tutte le minoranze della città, trascurate nei loro bisogni da amministrazioni sorde alle loro richieste di considerazione; alla quotidiana violazione dei diritti di ciascuno, quello allo studio e all’istruzione, a quelli di cittadinanza che dovrebbero assicurare eguali condizioni per chiunque.

Perché Messina, in fin dei conti, torni a essere una comunità aperta, inclusiva, rispettosa di chiunque, una comunità di pieni diritti per chi la vive. E dove i diritti assicurino parità di condizioni a ciascuno, senza distinzione di appartenenza, di genere, di sensibilità, di reddito, di cultura, di fede. È un lungo cammino, ne sono ben consapevole e non so neppure se sarò capace di raggiungere anche solo un decimo di questi miei sogni. Ma so che come fatto finora vi dedicherò anima, corpo e pensieri, tutto me stesso per tentarci.

Molti di voi saranno delusi, altri mi sproneranno a continuare, altri ancora si sfileranno annoiati, chissà. Ma in fin dei conti – ha concluso –, è per tutto questo che mi troverò a chiedere ancora una volta a ciascuno di voi la fiducia per poterci tentare ancora una volta».

(312)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.