D’Alia apre alle primarie centriste: “Serviranno a garantire il giusto ricambio”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Gianpiero D’Alia apre alle primarie del centro. Il leader dei Centristi per la Sicilia, insieme al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, è intervenuto ieri all’assemblea provinciale del partito che si è svolta ieri pomeriggio al Teatro Vittorio Emanuele di Messina: “Vogliamo le primarie del centro, perché le riteniamo lo strumento essenziale per ricucire quello scollamento tra cittadini e politica e arricchire con persone nuove la classe dirigente del Paese” .

Naturalmente, testa già rivolta alle regionali di novembre. Per D’Alia le prossime alleanze nell’Isola passano da un patto programmatico per la Sicilia che preveda anche una riforma moderna dello Statuto siciliano: “La Sicilia – spiega – nonostante la sua autonomia – è ancora oggi la Regione che riceve più trasferimenti statali, anche piú delle Regioni a statuto ordinario”. Per l’ex ministro poi è “necessaria una norma ‘antiribaltonistica’ che blocchi la transumanza di deputati da una coalizione all’altra e la squallida abitudine del voto segreto al Parlamento siciliano. Infine – prosegue – le città metropolitane devono diventare enti di decentramento della Regione. Questi punti insieme al resto del programma – osserva D’Alia – dovranno essere sottoscritti da tutti i partiti che formeranno la coalizione, dal candidato presidente e da tutti i candidati alle elezioni regionali”.

All’incontro di Messina hanno partecipato il coordinatore siciliano dei Centristi, Adriano Frinchi, il capogruppo al Comune Mario Rizzo, i dirigenti provinciali e i sostenitori del movimento. Alla fine della riunione Paolo Alibrandi è stato nominato coordinatore provinciale. Nelle prossime settimane si insedieranno tutti i componenti del coordinamento.

(233)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.