daliagiampiero

D’Alìa,neoministro: “La parola d’ordine nella P.A. sara’ distinguere chi lavora da chi non lo fa”

Pubblicato il alle

1' min di lettura

daliagiampiero“I temi economici stanno alla stessa base della nascita del governo presieduto da Enrico Letta: al centro ci saranno l’emergenza economica, il lavoro, l’occupazione, la crescita”. A dirlo, intervistato per la prima volta dal Gr1 Rai, e’ il neoministro della Pubblica Amministrazione e della Semplificazione, il messinese Gianpiero D’Alìa, che annuncia anche le priorita’ per il suo ministero: “La crescita economica dipende anche dal tasso di efficienza della Pubblica Amministrazione, perche’ le imprese investono solo se hanno la possibilita’ di dialogare con uno Stato trasparente ed efficiente”- ha aggiunto D’Alìa-.
Per questo ci sentiamo caricati da una grandissima responsabilita’ e l’obiettivo sara’ far crescere il livello di produttivita’ nel pubblico impiego, incentivando i dipendenti pubblici che fanno il loro dovere e isolando coloro i quali invece, non lavorando, creano sacche di inefficienza e di corruzione”. La parola d’ordine, ripete il ministro della P.A., sara’ “distinguere tra chi lavora e chi non lavora”.

(36)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.