Crocetta oggi a Messina. Garofalo: «Tra le criticità da esporgli, priorità alla sanità»

crocettaaccorinti

Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, torna a Messina. Oggi,alle 11.30, a Palazzo Zanca si riunirà la Giunta regionale. Si incontreranno dunque il presidente della Regione e il sindaco Renato Accorinti, ieri in riunione con gli assessori per mettere su carta le criticità da sottoporre al presidente, auspicandone la risoluzione. Sono previste varie tappe: l’incontro alla Provincia con i sindaci della città metropolitana;  l’incontro, alle 11.30, con il consiglio comunale a Palazzo Zanca; infine, la riunione delle Giunta Regionale.

Qualche giorno fa, il sindaco Accorinti aveva manifestato solidarietà al vertice del Megafono in merito al dibattito sulla crisi politica tra il Pd e il presidente siciliano.

«Si vive una fase in cui bisogna dimostrare unità d’intenti — scriveva in una nota il Primo cittadino —, individuando obiettivi comuni finalizzati ai bisogni della collettività. Non servono liti, contrasti, giochi di potere o alleanze politiche; dobbiamo lavorare tutti nella medesima direzione». Si attendono, ora, novità al termine dell’incontro di domani.

 

E in una nota, a proposito della visita del presidente e della Giunta Regionale, il deputato Vincenzo Garofalo scrive: «Questa visita dovrà essere un’occasione da non perdere per pretendere una serie di risposte su tematiche importanti che riguardano la nostra città e avere finalmente chiarezza su alcuni temi. Tra questi, senza dubbio, quello relativo alla sanità. La Giunta, guidata dal Sindaco Accorinti, dovrà pretendere che Crocetta e l’assessore Borsellino spieghino, una volta per tutte, qual è il piano strategico di sviluppo della sanità che hanno immaginato per Messina».

 

E prosegue: «In particolare l’incontro sarà una occasione  per affrontare alcune questioni “calde”: i punti nascita (si parla dell’ipotesi di chiudere quello del Papardo). La Regione intende davvero ignorare le peculiarità del nostro territorio — sottolinea Garofalo — che si estende in lunghezza e il fatto che, eliminando il punto nascita del Papardo, la zona nord resterebbe priva di un servizio di fondamentale importanza per la collettività?; poliambulatorio di via del Vespro. La Regione  condivide la scelta di far chiudere i battenti a una struttura che con le sue tre unità operative oftalmologia, patologia clinica e radiologia, offre circa 380mila prestazioni l’anno? È giusto sostituirla con altri uffici? Non sarebbe più logico, piuttosto, utilizzare a tale fine  alcuni locali dell’ex ospedale Regina Margherita?».

 

«Domani — continua Garofalo — sarà anche l’occasione per chiedere con quale logica si è deciso di smontare  la risonanza magnetica (che qualcuno ha fatto acquistare per l’ex ospedale Regina Margherita) da Messina per rimontarla a Barcellona, bruciando 140mila euro di danaro pubblico piuttosto che acquistarne una in più per Barcellona. Domani l’Amministrazione avrà modo  di fare sentire la propria voce. L’auspicio è che lo faccia e che a Palermo arrivi forte e chiaro il messaggio che non accetteremo passivamente decisioni prese senza dialogo, senza logica, senza concertazione».

 

«Infine — conclude —, a proposito di dialogo e di concertazione, ad oggi dei temi esposti non sembra sia stato investito il Consiglio comunale che è l’organo più rappresentativo della collettività e sede deputata al confronto dialettico e all’analisi delle tematiche più importanti della città.  Credo che queste tematiche meriterebbero di essere affrontate anche in questa sede senza sottrarsi ad un confronto che non  può che essere costruttivo».

 

 

 

(48)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *