Capurro1

Centrodestra e amministrative. Capurro: «Necessaria coesione»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Capurro1Il Consigliere Comunale Giuseppe Capurro scrive una lettera aperta a Scoglio e al centrodestra messinese, nella speranza che si riesca a trovare una certa compattezza, utile, in vista delle prossime amministrative.

«Appare oltremodo incomprensibile quello che sta accadendo nella nostra città in vista delle elezioni amministrative. Mentre a Roma le larghe intese o governo di responsabilità nazionale che dir si voglia ha preso forma e, verosimilmente otterrà una fiducia ampissima dai deputati degli schieramenti che concorrono alla formazione del Governo, nella nostra città si continua con gli esercizi muscolari all’interno del centrodestra. Intendiamoci chi scrive è stato uno dei più strenui sostenitori delle iniziative politiche-amministrative di Gianfranco Scoglio anche quando all’interno della Giunta Buzzanca non è stato considerato a pieno per quello che meritava.

E francamente sono rimasto sorpreso quando il comando della macchina amministrativa, in attesa dell’arrivo del Commissario a causa delle dimissioni del Sindaco Buzzanca, sia stato affidato a Orazio Miloro a dimostrazione che sulle varie anime aennine la bilancia non batteva certo verso Gianfranco Scoglio.

Ora a parte che le primarie non sono state e non sono nel patrimonio genetico del centrodestra ma l’avere richiesto al massimo vertice politico del nostro partito, nonché stimato parlamentare e amico personale di diversi ministri della nuova compagine governativa che potranno dare una mano in una campagna elettorale difficile sia per la ricerca dei consensi sia per le prospettive drammatiche in cui versano le casse comunali, di cimentarsi nella campagna elettorale dovrebbe acquietare gli animi e remare tutti verso la direzione di Enzo Garofalo Sindaco.

Mi permetto, da modesto operatore politico, di fare un appello al senso di responsabilità di Gianfranco Scoglio e ai suoi big sponsor di cambiare pagina e di non aumentare le distanze tra soggetti politici ma anche tra persone che in questi anni hanno collaborato per il bene comune».

(57)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.