Cateno furioso contro la casta: «Fuori i nomi dei raccomandati»

cateno-de-luca«Ho iniziato nel 2006 la guerra contro la casta, con migliaia di emendamenti in tutte le finanziarie regionali, ma nessuno si è sentito in dovere di occuparsi dell’illegittimo utilizzo dei miliardi di euro destinati ai costi della politica, alle assunzioni e agli sprechi delle Società partecipate della Regione Siciliana e degli Enti di formazione professionale». È l’accusa di Cateno De Luca, candidato alla Presidenza della Regione, che aggiunge: «Figli, mogli, parenti, capi elettori di tutti i deputati regionali e nazionali sono stati assunti senza concorso. È giunto il momento di pubblicare questi nominativi». De Luca lamenta di essere stato attaccato spietatamente dalla casta politica, causandogli l’inimicizia di numerosi direttori generali dell’Amministrazione regionale «che – dice − percepiscono stipendio e indennità di gran lunga superiori ai deputati regionali». E conclude: «Attendiamo che gli organi inquirenti verifichino le procedure adottate nel mare magnum delle Società ed Enti partecipate dalla Regione Siciliana, e che l’abusivo Presidente della Regione, la cui moglie era dipendente in un Ente di Formazione, pubblichi gli elenchi di questi settemila siciliani baciati dalla fortuna».

(53)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *