Caronte e sindacati in rotta. I licenziamenti diventano effettivi. L’Orsa conferma lo sciopero del 23 e 24 ottobre. Le tre sigle annunciano quello del 6 novembre

Pubblicato il alle

1' min di lettura

caronte-touristCaronte-Tourist e sindacati non trovano un accordo. Le parti, oggi all’hotel Royal, non si sono strette la mano e hanno rimandato tutto alla prossima settimana. Intanto il 23 ottobre alle 12,00 inizierà lo sciopero organizzato dal sindacato Orsa e si concluderà alla stessa ora del 24 ottobre. Al momento i 69 licenziamenti sono confermati. La Caronte ha sostenuto che l’attivazione della legge 233 esclude ormai interventi sui salari e che l’utile in bilancio pubblicato dalla stampa potrebbe essere già “scomparso” quest’anno e per questo al calo del “traghettato” corrisponde un calo dell’offerta. La Cgil ha invitato l’azienda a non paragonarsi a piccolo imprenditore e ha chiesto di accertare le cause della crisi. Secondo il sindacato il 23% del calo del traffico, negli ultimi 5 anni, è stato abbondantemente recuperato attraverso l’espulsione di oltre un centinaio di lavoratori (di 33 equipaggi ne sono rimasti 23), la riduzione delle tabelle d’armamento e l’aumento dei biglietti. Annunciato da Cgil, Cisl e Uil un altro sciopero il 6 novembre.

@Acaffo 

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.