astensione

“Cara Messina, non mi importa chi sarà sindaco”. L’astensione al voto segna un inquietante disinteresse cittadino

Pubblicato il alle

1' min di lettura

astensioneSe alle Politiche di ottobre, in cui si eleggeva l’assemblea regionale siciliana e il presidente della Regione,  più della metà dei siciliani si era astenuta dal voto; se, mantenendo il trend di ottobre, al primo turno delle amministrative degli scorsi 9 e 10 giugno si era registrata una ulteriore diminuizione dell’elettorato alle urne, ieri i messinesi hanno dimostrato di preferire il mare alla scelta del loro sindaco. Alle 22 di ieri, primo giorno di voto, soltanto poco più del 30% è andato a barrare il nome di uno dei due candidati a sindaco. Renato Accorinti o Felice Calabrò? Entrambi al ballottaggio, la città ha tempo sino alle 15 di oggi per sceglierne uno tra loro. Al primo turno, ricordiamo, Calabrò, candidato del centrosinistra, non è divenuto sindaco per una manciat di voti: appena 54. Ma già allora Accorinti, della lista civica “Cambiamo Messina dal basso”, si è rivelato la vera sorpresa di queste elezioni, avendo superato, per preferenze,  due volti noti della politica messinese, candidati alla carica di primo cittadino: Vincenzo Garofalo e Gianfranco Scoglio, entrambi espressione della frattura interna del centrodestra locale. Dopo le 15 l’avvio dello spoglio per conoscere il nome del nuovo sindaco di Messina.

(58)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.