Bramanti: «Messina non è figlia di un dio minore. Mi batterò per l’Autorità portuale»

Primo piano di Dino Bramanti - Conferenza stampa ufficializzazione candidatura elezioni amministrative Messina«La Città Metropolitana di Messina non è dietro le quinte, non è figlia di un dio minore elettorale». Parole decise quelle del candidato sindaco Dino Bramanti che parla dell’importanza di avere un’Autorità portuale autonoma e della riforma Delrio che ha relegato Messina d un ruolo secondario.  «Sono candidato sindaco di Messina e ho l’orgoglio e la consapevolezza di essere anche candidato sindaco metropolitano ed in quanto tale metto al primo posto una serie di priorità per lo sviluppo dell’intero territorio provinciale. Prima tra tutte c’è la battaglia per la 16esima Autorità Portuale, quella dello Stretto e che vede insieme il porto di Messina e di Milazzo-Giammoro e quelli di Villa San Giovanni e Reggio Calabria. La riforma Delrio ha relegato Messina ad un ruolo di comparsa totalmente subalterna al porto di Gioia Tauro. Da sindaco metropolitano e da sindaco di Messina mi batterò per l’istituzione di un’Autorità portuale autonoma che ci spetta di diritto in virtù dei nostri numeri e delle nostre potenzialità».

L’obiettivo di Bramanti è riuscire a modificare la riforma e avrebbe già trovato degli alleati importanti pronti a sostenerlo in questo intento. «Insieme alla deputazione nazionale ed al governatore Musumeci che si è già dichiarato dalla nostra parte, solleciteremo una modifica della riforma e la riaffermazione del ruolo dello Stretto. E’ una battaglia che riguarda tutto il territorio, così come quella contestuale per il riconoscimento del porto di Messina quale porto core. Spiace constatare che finora è venuta a mancare un’incisività da parte dell’attuale sindaco di Messina e sindaco metropolitano sia su questa tematica, che è fondamentale, che su tutte le altre. Nei giorni scorsi ho ascoltato l’appello dell’ex commissario della Città Metropolitana Francesco Calanna in merito alla centralità dell’Ente, venuta meno in questi lunghi anni in cui il governo Crocetta ha letteralmente provato a cancellare dalla mappa geo politica le ex Province».

Il candidato sindaco del centrodestra ha infine sottolineato l’importanza di far uscire la Città Metropolitana dalla situazione di instabilità in cui versa da troppo tempo. «Il sindaco Metropolitano erediterà un Ente che ha subito i colpi di una politica regionale e nazionale dissennata, volta con il prelievo forzoso voluto dal Pd, a mettere in ginocchio le province e la loro autonomia. Dopo 5 anni di commissariamenti la Città Metropolitana ha una struttura ridotta all’osso, lo spettro del dissesto e incertezza sulle competenze. C’è però la possibilità di invertire il percorso, partendo dalle risorse certe, quelle del Patto per il Sud e per la Città Metropolitana e quelle per la Riqualificazione delle periferie urbane. Ci sono i progetti e ci sono le risorse. C’è il personale che non vede l’ora di tornare ad operare dopo anni di mortificazioni. Sono pronto ad intestarmi in prima persona queste battaglie per ribaltare una situazione di immobilismo che si è protratta per troppo tempo».

(101)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *