Via don Blasco, Travisano e De Pasquale: “Progetto ostacola recupero del waterfront”

2c756c27-edf6-4d7b-a142-17ff57242c46La futura via don Blasco non convince proprio tutti. Ieri il Consiglio della IV Circoscrizione ha effettuato un sopralluogo nelle zone interessate dal passaggio della nuova arteria di cui è progettista l’ingegnere Antonio Rizzo. All’incontro hanno partecipato anche i consiglieri Daniele Travisano e  Francesco De Pasquale che affidano ad una nota stampa le proprie perplessità.

“Questo progetto – spiegano Travisano e De Pasquale –  ostacola fortemente il rilancio del Waterfront e non prevede nessun rilevante intervento strutturale dell’area in oggetto: Si tratta semplicemente di una grande manutenzione stradale che migliora semplicemente l’esistente”. I due consiglieri precisano che sono soddisfatti che la città sia riuscita, in questa specifica circostanza, ad ottenere  finanziamenti che normalmente vanno persi, ma si chiedono  “qual è  la regia dietro tutto questo?”

“Sembra grottesco – precisa la nota –  che nel medesimo arco temporale si stiano avviando due progetti in palese contrasto tra loro: il patto per la Falce che mira a rilanciare la zona in chiave turistica ed il PIAU che regolamenta il gommato pesante attraverso la via Don Blasco. Quale può essere il connubio tra turismo, vivibilità e aree pedonali da un lato e gommato pesante dall’altro nella stessa porzione di territorio? È già prevista una rimodulazione del traffico marittimo?

Secondo Travisano e De Pasquale  la nuova via Don Blasco così come è stata concepita dal PIAU, deve avere carattere di temporaneità e l’inizio dei lavori deve avvenire contestualmente all’avvio di quelli per il porto di Tremestieri. “La regia – concludono –  deve necessariamente essere unica per entrambi i progetti, diversamente possiamo sin da adesso darci appuntamento tra qualche anno per una nuova manifestazione di Cambiamo Messina dal basso: il LUNGOmare negato”.

(254)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *