Aumento ore dei precari comunali, la Fp Cgil: “La giunta approverà la richiesta”

precari comuneDomani durante la seduta di giunta, verrà approvata la delibera di indirizzo che dà il via libera all’integrazione oraria dei precari. Lo dice la Fp Cgil sulle base delle indicazioni normative fornite dal sindacato. 

 

“Siamo molto soddisfatti che l’Amministrazione abbia deciso di dare seguito alla proposta di integrazione oraria che abbia presentato ormai più 15 giorni fa. Soprattutto però siamo contenti che il Sindaco abbia deciso di adottare tale atto  d’indirizzo senza farsi ulteriormente condizionare dal parere dei revisori dei conti, che in questi ultimi giorni hanno tenuto sulla graticola gli oltre 300 dipendenti precari del Comune di Messina: è il commento della segretaria della Funzione pubblica della Cgil, Clara Crocé, a seguito della telefonata con cui  l’assessore al ramo, Nino Mantineo, ha annunciato che domani la giunta adotterà  probabilmente due delibere.  La  prima la delibera d’indirizzo contenente le proposte che la FP  Cgil aveva fornito all’Amministrazione ( delibera della giunta provinciale di Rimini ) con la quale si prende atto del provvedimento della Corte dei Conti in sezione riunita del 12 aprile 2012. Di avvalersi  della facoltà di adattamento della disciplina di cui all’articolo 9 comma 28 del D.L. n. 78/2010 per soddisfare le esigenze organizzative ; Infine  la necessità di legare l’integrazione oraria alla stabilizzazione dei precari , al fine di azzerare nel corso del triennio la spesa sui contratti determinati. Il secondo atto deliberativo riguarderà l’integrazione oraria di tutto il personale contrattista. La FPCGIL ha espressamente richiesto 35 ore .

Auspichiamo l’adozione degli atti deliberativi entro domani – ha continuato la Crocè – senza ulteriori interlocuzioni .Atteso che l’atto d’indirizzo non necessita alcun parere dei revisori dei conti. L’integrazione oraria e la futura stabilizzazione del personale precario consentirà a quella parte di personale sulle cui spalle si regge il peso di gran parte dell’organizzazione della macchina comunale, di poter tirare un sospiro di sollievo. Questa Amministrazione ha compreso quello che, come Fp Cgil, andiamo ripetendo ormai da tanti giorni e che abbiamo ripetuto anche in occasione dell’occupazione pacifica della sala del consiglio: un Comune non può essere retto solo in termini ragionieristici. Oltre che con i numeri bisogna fare i conti con la vita delle persone”. 

(33)

Categorie

Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *