BUS

Atm. La rabbia dei dipendenti si traduce in una protesta autonoma e inattesa. Fermi i mezzi pubblici

Pubblicato il alle

1' min di lettura

BUSI dipendenti Atm questa mattina alla 4.00 si sono fermati. Arrabbiati e stanchi di aspettare gli stipendi che tardano ad arrivare. In arretrato ancora con il 50% dello stipendio di Ottobre e le mensilità di Novembre e Dicembre a cui si aggiunge anche la tredicesima. Una protesta, la loro, completamente autonoma e inaspettata; non era stata infatti né programmata né valutata con i sindacati. Una presa di posizione spontanea che dà prova della loro rabbia e disperazione. Si aspettavano dal Comune un dodicesimo del bilancio, pari a 1mln 900 mila euro più 3mln 900mila euro che, se anche dovessero finalmente arrivare, sarebbero sufficienti a pagare una sola mensilità degli arretrati, poiché sull’Azienda pende sempre il debito con la ditta Ventura che ammonta a 2mln 500mila euro. Per questa ragione, stamane, i dipendenti non hanno preso regolare servizio, una parte di loro risulta in malattia, un’altra ha dichiarato di non essere nello stato di serenità adatto a guidare i mezzi pubblici. Confusione e lamentele da parte dei cittadini che alle fermate sono rimasti in attesa dei mezzi di trasporto che non sono mai passati e della cui assenza non erano stati preventivamente avvisati.

(52)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.