A teatro con i Magazzini del Sale. Gli spettacoli del weekend a Messina

Continuano gli appuntamenti teatrali ai Magazzini del Sale. Sabato 7, dalle 21.00, Jubebox all’idrogeno e domenica 8, dalle 18.00, La Storia di Pinocchio. Ascolta l’audio-racconto di Mariapia Rizzo.

Doppio appuntamento ai Magazzini del Sale

Prosegue la stagione teatrale dei Magazzini del Sale – via del Santo 67 – con due appuntamenti. Sabato 7, dalle 21.00, Jubebox all’idrogeno con Margherita Smedile e Marco Spadaro. Il reading in concerto rientra nella mini rassegna “Giusto un sabato”. Una performance dedicatata ad Allen Ginsberg, dove non mancheranno accenni a Walt Whitman e a Gregory Corso. A seguire aperitivo conviviale.

ASCOLTA LA STORIA DI PINOCCHIO CON LA VOCE DI MARIAPIA RIZZO

Domenica, dalle 18.00, invece appuntamento con“La storia di Pinocchio” con Orazio Berenato, Stefania Pecora, Mariapia Rizzo, per la regia di Domenico Cucinotta. Spettacolo – secondo della rassegna Magazzini di Fiabe – per attori e burattini dal romanzo di Collodi. Una favola intrigante che travolge in un vortice di incredibili avventure dal sapore a volte esoterico ma dall’anima sinceramente bambinesca. Il burattino di Collodi è un monello senza confronti, un eterno fuggiasco, un piccolo avventuriero che non cessa di commettere errori, ma che riesce a superare tutte le prove che lo condurranno al cambiamento, alla mutazione in essere umano. Pinocchio non è solo un bambino che diventa grande, è un essere umano che lotta per scoprire un’altra parte di se’. Come sempre il Teatro dei Naviganti propone uno spettacolo tratto da una storia che unisce il divertimento alla riflessione. La novità di questo spettacolo consiste nella compresenza di attori e di burattini. Una scelta quasi metateatrale rispetto al tema della favola, ma soprattutto una nuova sfida lanciata per il divertimento dei bambini, affinché l’atmosfera di un pomeriggio a teatro li coinvolga al massimo, come coinvolti saranno dagli attori e dagli altri protagonisti dello spettacolo.

 

(107)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *