teatro dei duemari

Tindari, “Penelope” apre il Festival “Teatro dei due Mari”

Pubblicato il alle

6' min di lettura

teatro dei duemariInizia nel segno di “Penelope”, l’edizione 2014 del Festival “Teatro dei due Mari”, che aprirà i battenti venerdì 25 al Teatro Greco di Tindari (Patti) con la prima di quattro rappresentazioni (in tutto sei) che fanno parte di “Odissea – un racconto Mediterraneo”, il progetto concepito nel 2011 da Sergio Maifredi per il “Teatro Pubblico Ligure”. In scena, a leggere e commentare brani dal XXIII canto del poema Omerico, nei panni di Penelope, sarà Maddalena Crippa. La regina di Itaca è il doppio femminile di Odisseo. Anche lei, con un’astuzia, sta ritardando il tempo in cui cedere ed andare sposa di uno dei proci che assediano la sua reggia. E con astuzia non accetterà d’istinto il suo sposo che ritorna dopo dieci anni di guerra e altrettanti di mare, lo metterà alla prova: chiederà alle ancelle di spostare dalla stanza degli sposi il letto, quel letto che proprio Odisseo aveva intagliato in un tronco d’ulivo per radicato a terra. Odisseo a quel punto le rivelerà il segreto che il letto custodisce e le darà quindi prova certa di essere lo sposo atteso da vent’anni. Penelope, inoltre, con Tindari ha in un rapporto particolare, poiché imparentata con i Tindaridi, che la fondarono nel 396 avanti Cristo.
La maratona omerica continuerà sabato 26 con “Il viaggio di Telemaco”. A leggere e commentare pezzi dai canti I-V, dal XV e dal XVI sarà Giole Dix, che racconterà il vagare di Telemaco alla ricerca del padre e il loro commovente incontro finale (Odisseo, infatti, appare solo a partire dal V canto). Un viaggio in direzione ostinata e contraria, che da Itaca risale in senso inverso la rotta per Ilio alla ricerca del padre. Ma è anche il viaggio di un ragazzo che cerca di diventare un uomo, di assumere i gesti e il ruolo del padre. In scena saranno protagoniste l’intelligenza e la raffinata capacità analitica di Gioele Dix, che svelaeranno la potenza dei canti di avvio del poema omerico. Canti fondamentali per comprendere poi la complicità di Odisseo e Telemaco nel momento del ritorno dell’eroe in patria. Sarà Telemaco prima ancora di Penelope, a riconoscerlo ed ad accettarlo, seppur tanto cambiato da dieci anni di guerra e dieci di mare. Anche in questo caso, le origini della fondazione di Tindari si incrociano col peregrinare di Telemaco, che incontrerà a Sparta Elena di Troia, figlia di Tindareo (capostipite dei Tindaridi) e il marito Menelao.
IL PROGETTO. “Odissea – Un racconto mediterraneo” restituisce alla narrazione orale, al cantore vivo e in carne ed ossa, le pagine dell’Odissea lette in silenzio durante gli anni della scuola. Un poema, quello di Omero, che è la prima fiction a episodi. Questa è una delle sue forze. I racconti vivono assoluti. Il “montaggio” avviene nella testa dello spettatore che può conoscere o ignorare gli episodi precedenti. “Odissea – Un racconto mediterraneo” è una  rotta, la rotta di Odisseo,  ed è la rotta che unisce le sponde del mediterraneo da Est a Ovest da Nord a Sud. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Pubblico Ligure, fondato nel 2007 da Sergio Maifredi e Corrado d’Elia (www.teatropubblicoligure.it).
L’AUTORE. Nato a Genova nel 1966, con alle spalle quattro direzioni artistiche (Teatri Possibili Liguria dal 2007, Festival Grock Città di Imperia dal 2007 e TeARTo , sempre dal 2007) e quarantacinque regie, Maifredi spiega la sua idea: “Ho scelto l’Odissea perché è la più antica storia della letteratura occidentale, nata per essere letta ad alta voce, a differenza di altri capolavori. L’Odissea è tridimensionale, già teatrale, affidata a una voce e un corpo; è una parola condivisa da raccontare all’intera comunità. La vicenda è già tutta nei primi versi, per cui l’importante è come viene raccontata. Io ho scelto di trovare una forma, riaffidandola a moderni cantori, e scommettere su come doveva funzionare, scoprendo che l’intero racconto dura dodici ore, 30 minuti a canto. L’aspetto particolare, però, è che non è necessario leggere tutta la storia, ma chiedere al cantore, quasi fosse un jukebox, di ascoltare solo le vicende di Circe, ad esempio, e non il resto. Per noi, un punto fondamentale è che adesso siamo a Tindari. Si tratta di uno straordinario corto circuito, perché si può ascoltare Omero in un luogo che ha visto in scena la tragedia, che nel suo dna ha proprio i poemi omerici. Poter essere in un teatro greco, insomma, è assolutamente straordinario, una circostanza che dà compimento ideale al progetto”, conclude il regista.
Gli appuntamenti successivi legati a “Odissea”, nell’ambito del Festival “Teatro dei due Mari”, saranno il 3 agosto, con Paolo Rossi ne “La maga Circe”, e l’8 agosto, con l’unica tappa siciliana de “Le sirene, Scilla e Cariddi”, protagonista Teresa Mannino.

DATE E ORARI DEL FESTIVAL TEATRO DEI DUE MARI

25 Luglio
venerdì
Maddalena Crippa – Penelope
21,30
26 Luglio
sabato
Gioele Dix – Il viaggio di Telemaco
21,30
03 Agosto
domenica
Paolo Rossi – La maga Circe
21,30
08 agosto
venerdì
Teresa Mannino – Le sirene, Scilla e Cariddi
21,30
12 Agosto
martedì
Silvia Siravo – e l’alba si tinse di rosa
05,00
16 agosto
sabato
Mariangela D’Abbraccio – Elena di Ritsos
21,30
20 Agosto
giovedì
Edoardo Siravo e Marco Simeoli – Miles Gloriosus
21,30

(93)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.